Olimpico, nuovi ingressi: ecco il test per gli Europei

Olimpico, nuovi ingressi: ecco il test per gli Europei

Si inaugura il nuovo piano per il prefiltraggio, una innovativa procedura che ha l’obiettivo di ridurre i tempi di attesa dei tifosi e snellire l’accesso allo stadio

di Redazione, @forzaroma

È un modello utilizzato solitamente durante gli incontri organizzati dalla Uefa o dalla Fifa in occasione dei mondiali di calcio e per la prima volta verrà testato oggi all’Olimpico dove si gioca Roma-Bologna. Si inaugura il nuovo piano per il prefiltraggio, una innovativa procedura che ha l’obiettivo di ridurre i tempi di attesa dei tifosi e snellire l’accesso allo stadio, come riporta Il Messaggero.

Quella di oggi sarà una prova generale della nuova procedura di ingresso che sarà applicata in occasione delle partite dei Campionati Europei di Calcio 2020.

Il prefiltraggio generalmente effettuato alla barriera con i cancelli bianchi, viene in pratica arretrato di qualche metro. Ai lati dell’Obelisco, in piazza Lauro de Bosis, già ieri era iniziata l’installazione di 56 canali di ingresso: si tratta di cancelli mobili alti 1,20 metri. Sono disposti alla sinistra e alla destra dell’Obelisco. Ed è qui che avverranno i controlli per il prefiltraggio: gli steward quindi eseguiranno le consuete verifiche sui documenti, sui titolo di accesso ed effettueranno il cosiddetto il pat down, ossia il controllo di borse e oggetti.

Arrivati ai tornelli, dopo aver obliterato, si svolgeranno le consuete verifiche. Le misure sono state definite dalle forze dell’ordine in accordo con l’As Roma. Si tratta di un test, quindi, e i tecnici dovranno verificare cosa accadrà oggi. Anche la scelta dell’altezza dei cancelli non è casuale: sono bassi, non invasi e danno meno l’idea di un muro, facilitando quindi anche psicologicamente l’afflusso. Le perquisizioni come sempre avverranno sotto la vigilanza del personale delle Forze dell’Ordine presente sul posto.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy