Nello Shakhtar gli interpreti ideali per il gioco di Fonseca

Brasiliani e giovai talenti: l’ex squadra di Paulo ha dei giocatori dei quali il tecnico giallorosso avrebbe bisogno

di Redazione, @forzaroma

Non deve essere stata una sorpresa per Paulo Fonseca vedere che il suo Shakhtar Donetsk non solo ha vinto il campionato ucraino con 14 punti di distacco, ma si è anche qualificato alla semifinale di Europa League dopo essere stato sbattuto fuori dalla Champions ai gironi, scrive Gianluca Lengua su Il Messaggero.

Il tutto con il 4-2-3-1 che Castro ha ereditato da Paulo che a sua volta gli è stato tramandato da Lucescu, un segnale di continuità che ha agevolato i lavori del nuovo tecnico.

Facendo un ragionamento ad ampio respiro e analizzando il parco giocatori dello Shakhtar Donetsk e della Roma, ne esce fuori un quadro in cui l’asticella pende leggermente a favore della Roma, specialmente se si considerano tutti quei calciatori dal buon potenziale ma a cui non è stata data la possibilità di sprigionarlo (Under, Kluivert e Florenzi).

Fonseca ha dovuto fare i conti con lo stop dovuto al Covid-19, una situazione di emergenza che ha coinvolto tutte le formazioni europee, ma che in Ucraina non ha scombussolato più di tanto i piani dei club e la preparazione atletica, visto che sono preparati alle lunghe soste.

Il vantaggio sta nel fatto che, probabilmente, lo Shakhtar è riuscito ad arrivare più allenato alle partite di Europa League, competizione in cui si è fatto strada vincendo contro Wolfsburg (3-0) e Basilea (4-1). In semifinale sarà il turno dell’Inter di Conte che ha a disposizione una squadra nettamente più forte delle precedenti, ma che potrebbe soffrire contro calciatori abituati a partite decisive in questa parte dell’anno.

E a proposito di organico lo Shakhtar ha nella rosa dei giocatori che Fonseca ha richiesto alla società: Ismaily, Marlos e Taison. A loro si aggiungono i giovani Tetê (20 anni), attaccante esterno lanciato da Fonseca lo scorso campionato, esploso in questa stagione, e Marcos Antonio (20 anni) centrocampista che ha seguito lo stesso percorso. Con questa tipologia di calciatori, forse, Paulo avrebbe potuto fare meglio in campo internazionale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy