Mayoral non basta, la Champions ora è in un vicolo Dzeko

Lo spagnolo è giovane e non può sopportare da solo il peso dell’attacco

di Redazione, @forzaroma

Un dilemma che non è un dilemma: contro l’Udinese dovrà giocare Dzeko. Con i giusti sentimenti, questo sì, scrive Alessandro Angeloni su Il Messaggero.

Quella mezz’ora scarsa nella quale è stato utilizzato a Torino non è bastata, c’erano dentro ancora troppe ruggini per potersi esprimere al meglio. Ruggini che andranno pulite in questa settimana (se basterà), visto che alla Roma, per andare in Champions, serve il migliore Dzeko (oltre a Mayoral). Non tanto come bomber, ma come punto di ferimento per i compagni, come uomo che riesce a far giocare bene la squadra, a renderla pericolosa.

Anche con la personalità, non solo con le giocate. Mayoral è un buon giocatore, in prospettiva potrà diventare anche ottimo, per adesso il dato dice che lo spagnolo ha dimostrato di funzionare molto bene contro le piccole, realizzando sei reti in campionato, una con il Parma, due con il Crotone, due con lo Spezia e una con il Verona. Contro le big è stato impiegato poco, l’unica da titolare è stata quella contro la Juventus, nella quale ha faticato. Il peso dell’attacco della Roma solo sulle sue spalle è un qualcosa di troppo grosso da sopportare.

Oppure, Fonseca potrà anche pensare a una formula con Edin e Borja, uno al fianco dell’altro. In attesa che recuperi a pieno le proprie facoltà fisiche El Shaarawy, che non gioca da mesi e che cercando la migliore condizione. Contro l’Udinese, Stephan potrà, forse, essere convocato, ma magari non pronto per un posto in squadra. In futuro la Roma avrà bisogno di un attaccante da venti gol a stagione, uno più strutturato, che di professione faccia il bomber.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy