L’olandese Boulahrouz «Sogno la maglia giallorossa»

di Redazione, @forzaroma

(Il Messaggero) «La mia prima scelta è la Roma. Da tempo sogno di vestire la maglia giallorossa». Khalid Boulahrouz, 30 anni, esce allo scoperto.

Il difensore dello Stoccarda e della nazionale olandese vicecampione del mondo, in scadenza di contratto, dice chiaramente di essere pronto a trasferirsi a Trigoria. Il calciatore, di orgini marocchine, è intenzionato a lasciare la Bundesliga. Il suo curriculum è di primo piano: oltre a 33 gare con l’Olanda, ha giocato nell’Amburgo, dove era chiamato il cannibale per la sua cattiveria agonistica in marcatura, nel Chelsea, nel Siviglia e nelle ultime quattro stagioni nello Stoccarda. Nasce terzino destro, ma Mourinho lo portò a Londra perché, per le caratteristiche tecniche e fisiche, Boulahrouz può essere utilizzato anche da centrale e sulla fascia sinistra.

Sabatini lavora per cambiare soprattutto il reparto arretrato. Dopo aver bloccato il giovane terzino brasiliano Dodò, 22 anni, fluidificante mancino del Corinthians, ha più volte parlato con l’agente di van der Wiel, 24 anni, anche lui terzino destro dell’Olanda (è nella lista dei preconvocati per Euro 2012 insieme con Stekelenburg e Boulahrouz) e dell’Ajax.

La società di Amsterdam l’anno scorso chiedeva 15 milioni, ora ne potrebbero bastare 10-12, considerato che il difensore ha il contratto che scade il 30 giugno del 2013. «Nessuna squadra ha dato dimostrazione di volermi acquistare: quindi non so dove giocherò la prossima stagione. Non ho ancora detto addio all’Ajax. Ora il mio pensiero è rivolto solo agli Europei» ha chiarito ieri van der Wiel. Domenica Sabatini ha ricevuto l’agente di Kjaer a Trigoria per fare il punto della situazione. La Roma non ha ancora deciso se confermare il danese. A fine maggio, però, dovrà far sapere al Wolfsburg se intende esercitare l’opzione che gli permette di riscattare il difensore versando circa 7 milioni. Il club giallorosso preferirebbe confermare il prestito per un altro anno, come ha ribadito il ds al procuratore di Kjaer, anche per spingerlo a parlare con i dirigenti della società tedesca, contraria ad accontentare la Roma e il giocatore. Sabatini potrebbe far scadere l’opzione, sapendo che Kjaer non vuole tornare in Germania.Il danese può aiutare a trovare un’intesa.

Juan (presto un incontro per preparare l’addio) e Heinze torneranno rispettivamente in Brasile e in Argentina. Nuove conferme da Genova, invece, su Palacio: Sabatini vuole portare l’attaccante argentino a Trigoria e Preziosi non si oppone. U.T.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy