?Lo sceicco come Tot??

di finconsadmin

(Il Messaggero – M.Ferretti) -??A volte si toccano azioni con risultati francamente ridicoli, come un recente episodio che ricorda quello della Fontana di Trevi di Tot?.

 

A volte c’? qualcuno che afferma di aver ricchezza in Medio Oriente per acquistare quella o l’altra societ? e, anche quando il buon senso fa capire molte cose, siamo costretti a intervenire anche a salvaguardia di chi potrebbe sbagliare?. L?ha dichiarato, ieri all?Ansa da Pavia, Giuseppe Vegas, il presidente della Consob. Il riferimento ? a Adnan Qaddumi, da ieri ufficialmente indagato dalla Procura di Roma per il reato di aggiotaggio. Qaddumi come Tot?, per la Consob. Parole durissime e molto simili a quelle rilasciate ieri da Giancarlo Abete, il presidente della Figc. ?Lo sceicco indagato? Personalmente e istituzionalmente ho sempre seguito la vicenda con grande cautela e ora non ho particolari sorprese?.

 
IL PRESIDENTE E I CONTI

 

Tutti, nella sostanza, non riescono a credere che la Roma sia caduta cos? pesantemente in un bluff. James Pallotta, nonostante il clamore suscitato dal fallimento della trattativa con lo sceicco, e il malumore crescente della tifoseria, non ha alcuna intenzione di anticipare i tempi del suo viaggio a Roma e sar? nella capitale soltanto in occasione del derby, programmato per la sera dell?8 aprile. E non v?? dubbio che il presidente durante la sua permanenza nella capitale avr? colloqui con i rappresentanti di UniCredit (che vorrebbero incontrarlo prima possibile: ipotesi fattibile, ma non dal vivo), che hanno vissuto tutta la faccenda legata a Qaddumi in maniera defilata e un tantino preoccupata. Perch? la chiusura negativa del capitolo sceicco non risolve i nodi economici della Roma, il cui patrimonio ? in rosso per 78,5 milioni di euro. E in casa UniCredit ci si interroga se i 50 milioni promessi da Qaddumi sarebbero realmente bastati – o se invece ce ne vogliano di pi? – per tenere in piedi la societ?. La sensazione, netta, ? che Pallotta e UniCredit stiano viaggiando ognuno per conto proprio. E il tifoso giallorosso si interroga: come mai gli americani hanno cos? bisogno di soldi? Sulla questione-stadio, intanto, ecco una dichiarazione dell?assessore Cochi. ?Si parler? di stadio della Roma a Tor di Valle solo quando verr? sistemato il problema del trotto nella capitale?.

 

 

GLI INTERROGATIVI

 

Il tifoso della Roma (e probabilmente la stessa cosa faranno Consob e Procura) si chiede anche: chi (all?interno della societ?, a rigor di logica) ha favorito i contatti tra lo sceicco di Perugia, pi? volte ospite nella Tribuna Autorit? dello stadio Olimpico, e gli uomini di Pallotta? Chi gli ha aperto le porte di Trigoria? Chi inizialmente ha garantito per lui? Qualcuno deve spiegare, deve chiarire anche a costo di rimetterci il posto, magari usando lo stratagemma (a fine anno?) delle dimissioni.

 
UNA NEWCO

 

Unica certezza, per ora, il contratto decennale stipulato con la Nike, che decorrer? dal 2014. In attesa di conoscere la cifra esatta dell?accordo appare certa, secondo Sporteconomy.it, la nascita di una NewCo gestita al 50% da Nike e al 50% dalla Roma. Roma e la Roma, nel mirino della Nike con un’operazione di ?smart sponsorship?, cio? che va al di l? della semplice apposizione di un logo su una maglia: Nike potr? utilizzare l’immagine del club insieme con quella della citt?.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy