Ljajic non firma. Ora si puo’ fare

di Redazione, @forzaroma

(Il Messaggero – S.Carina) Chi chiedeva un segnale da parte della società è stato accontentato. Probabilmente più nella forma (è arrivata l’intervista tanto attesa, rilasciata a Skysport24), meno nei contenuti. Chiamato a dare risposte sul momento che sta vivendo la Roma – che dopo aver ceduto Marquinhos e Osvaldo, lunedì saluterà anche Lamela: raggiunta l’intesa con il Tottenham per 30 milioni più 5 di bonus – il neo d.g. Baldissoni, dopo aver rassicurato sul nuovo stadio («Siamo vicini alla presentazione del progetto»), ammesso gli errori sul recupero di Destro («Si è cercato di fare troppo in fretta»), si limita a promettere che «qualsiasi iniziativa di mercato in nessun modo implicherà una rinuncia anche parziale alla competitività. Garcia? Condivide le scelte del club. La Roma ha deciso di non commentare il mercato perché non si può parlare di una singola operazione visto che ognuna, sia in entrata che in uscita, ha diverse componenti: tecnica, che comprende il valore del calciatore nel gruppo, economica e finanziaria».

 
OBIETTIVO SERBO –  Preso atto delle analogie con i tre parametri lotitiani (potenzialità atletico-agonistiche, qualità morali e compatibilità economico-finanziaria), queste potrebbero portare all’identikit di Ljaic. Ieri la fumata nera per il rinnovo contrattuale con la Fiorentina ha alimentato le speranze della Roma: il serbo è in vendita. Il Milan ha già trovato un’intesa da tempo con il calciatore ma i Della Valle non intendono cederlo ai rossoneri e hanno rifiutato un’offerta di 8 milioni. La dirigenza viola ne chiede 12. Sabatini spera e nelle ultime ore ha accelerato i contatti con l’entourage del serbo. Accontentare economicamente il ragazzo non dovrebbe essere un problema: il Milan gli ha proposto 1,8 milioni a stagione. La prima mossa della Roma sarà pareggiare l’offerta. Tutto però dipende da Ljiac: se manterrà la parola data a Galliani, i tentativi effettuati da Sabatini rimarranno vani. E’ chiaro che se l’ex Partizan dovesse approdare a Trigoria, la Roma lascerebbe il via libera a Pradè per Rebic.

 
DEMBA BA IN POLE –  Capitolo centravanti: ieri De Laurentiis ha chiuso all’arrivo di Matri. Allegri spinge per averlo ma prima andrebbe sfoltito l’attacco milanista. Questo agevolerebbe la Roma che con la Juventus sta trattando la cessione di Marquinho, qualora i bianconeri non arrivassero a Zuniga. In realtà Sabatini sembra aver già scelto: Demba Ba è in pole per sostituire Osvaldo. Va però convinto il Chelsea al quale la Roma ha richiesto l’ex Newcastle con la formula del prestito con diritto di riscatto. In difesa contatto con Astori.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy