L’Italia litiga, la Germania gioca

L’Italia litiga, la Germania gioca

Tanti i problemi in vista della ripresa degli allenamenti collettivi. Oggi, alle 15.30, Borussia-Schalke 04

di Redazione, @forzaroma

La serie A non è disposta a tutto pur di ricominciare a giocare. Ieri la Lega e la Figc hanno avuto una videocall nella quale le società  hanno chiesto di sottoporre al ministro Spadafora e al Comitato tecnico scientifico delle modifiche al protocollo di ripresa degli allenamenti, scrive “Il Messaggero”.

Il problema è che le rigide misure anti Covid-19 previste dal Cts non hanno fatto i conti con le carenze strutturali dei club. “Sono difficoltà oggettive – ha spiegato Gravinanel reperire le strutture ricettive che al momento risultano ancora bloccate per via dell’emergenza sanitaria”. Il Gruppo Squadra deve osservare due settimane di quarantena volontaria un isolamento quasi monastico. Gravina li ha definiti “piccoli aggiustamenti”, mostrando il suo ottimismo a che Spadafora e il Cts accolgano questa richiesta.

Poche speranze, invece, sulla modifica del periodo di quarantena in caso di nuovo positivo, che il protocollo identifica in 14 giorni obbligatori per tutto il Gruppo Squadra. “Da lunedì – ha detto Spadaforaparte un periodo di 10 giorni nei quali osserveremo la curva dei contagi. Se la situazione lo consentirà, rivedremo anche questa regola. Per ora si rispettino le norme in vigore”. “L’ipotesi play off non è tramontata – ha detto il presidente Gravina – Dobbiamo essere pronti a qualsiasi evenienza”.

Fine del torneo, con ripartenza il 13 giugno e chiusura il 2 agosto in modo da dare per il 3 alla Uefa (che aspetta per il 25 una risposta) una classifica finale e lasciare libere Juve, Napoli, Atalanta, Roma e Inter di terminare Champions ed Europa League.

Nel frattempo oggi, ore 15,30, tutti davanti alla tv. C’è il tutto esaurito, si fa per dire, torna la Bundesliga: riparte la vita, riparte il calcio, o viceversa. Si ricomincia con la giornata numero 26, il clou è a Dortmund, il derby della Ruhr, Borussia contro Schalke 04. Haaland è pronto, vediamo come sta e se, come dice Balotelli, è ancora in grado di stoppare un pallone dopo il lungo stop forzato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy