L’ennesima lezione di Inzaghi esonera Spalletti da Trigoria

Un vero capolavoro tattico che si aggiunge agli altri derby di semifinale di Coppa Italia. I proclami e l’ossessione per la vittoria hanno portato a poco in casa Roma

di Redazione, @forzaroma

La Lazio vince anche il quarto derby stagionale e incastona un’altra preziosa gemma alla sua splendida stagione. Successo netto e indiscutibile, come scrive Massimo Caputi su Il Messaggero, da rendere perfino marginali i grossolani errori di Orsato. Un vero capolavoro che si aggiunge agli altri derby di semifinale di Coppa Italia.

Il campo ha evidenziato gli ottimi valori dei biancocelesti e quelli sopravvalutati dei giallorossi. Riportare il risultato dell’ennesimo derby alle mosse azzeccate di Inzaghi e all’incapacità di Spalletti nel trovare le contromosse sarebbe riduttivo. In verità, nonostante proclami, monte ingaggi e fatturato, le differenze tecniche tra Roma e Lazio sono meno di quanto si è pensato fino a oggi. A cominciare dalla panchina, dove Inzaghi, anche se giovane, si è dimostrato allenatore di spessore, tra i migliori in assoluto del campionato. Il tecnico prima ha compattato il gruppo, poi ha lavorato sulla squadra dandole identità e più soluzioni tattiche.

Dopo ieri, la Roma tutta esce ridimensionata. Alla squadra, in vistoso calo mentale, confusa tatticamente, non rimane che salvare il secondo posto che, pur rimanendo un risultato importante, non può cancellare la delusione per gli appuntamenti falliti in stagione. I proclami e l’ossessione per la vittoria hanno portato a poco. Fare tesoro degli errori commessi sarebbe già un ottimo inizio per arrivare alle vittorie tanto attese.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy