L’elogio di Fonseca: “Abbiamo attaccato con coraggio e senza paura”

L’elogio di Fonseca: “Abbiamo attaccato con coraggio e senza paura”

Il tecnico: “Peccato stavolta non essere stati bravi davanti alla porta”

di Redazione, @forzaroma

La Roma cresce, soprattutto nella personalità, scrive Alessandro Angeloni su Il Messaggero. Crescono i suoi giocatori, vedi Mancini (“prima attaccavamo solo e difendevamo male, ora no“, Gianluca dixit) e Smalling (presente in tribuna il ct della Nazionale inglese e Solskjær, tecnico dello United ha detto che lo rivuole a Manchester), così come i vecchi, da Kolarov a Pellegrini fino a Zaniolo.

E’ sempre più squadra, forse Fonseca stesso non pensava di arrivarci così presto, specie davanti amille difficoltà legate soprattutto agli infortuni. “Peccato stavolta non essere stati bravi davanti alla porta. Abbiamo sempre cercato di giocare con una buona circolazione, poi abbiamo sbagliato le ultime scelte e questo ha fatto la differenza. Non volevamo solo difenderci. È vero, le occasioni dell’Inter sono nate da errori nostri nella fase di costruzione ma abbiamo sempre provato ad attaccare con coraggio e senza paura, come voglio io, a giocare e a volte abbiamo sbagliato“.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy