Lamela quiz a Livorno Borriello e Gervinho sognano una maglia

di Redazione, @forzaroma

(Il Messaggero – M.Ferretti)  Pronti, via e la nuova Roma di Rudi Garcia, esordiente in A come il collega Davide Nicola («Serviranno umiltà e coraggio»), comincia a Livorno senza l’infortunato Strootman, il convalescente Destro e il croato Jedvaj, bloccato (ancora) da problemi burocratici.

 

Dando per scontato il modulo 4-3-3, i dubbi riguardano solo l’attacco: in difesa tutto sembra scontato, con De Sanctis fra i pali, linea di difesa a quattro con, da destra a sinistra, Maicon, Benatia, Castan e Balzaretti; a centrocampo Bradley, De Rossi (che non va in gol dal 13 maggio dello scorso anno) e Pjanic. Davanti in due sembrano sicuri del posto, cioè Totti (non segna in trasferta da 298 giorni) e Florenzi, mentre per la terza maglia ci sono (teoricamente) in lizza tre giocatori: Lamela, convocato come se nulla fosse, Gervinho e Borriello. Nella lista dei convocati c’è anche Tallo, che non sembra avere le stesse possibilità del suo connazionale ivoriano e di Borriello. Ma Erik è davvero in corsa per una maglia? Garcia ieri è stato ermetico.

 

Alla Roma, però, conviene mandare in campo un giocatore che nelle prossime ore le garantirà almeno 30 milioni di euro? A rigor di logica, e di rischi legati all’impiego, no. Ma, si sa, tutto è possibile. Dando per scontata l’assenza di Lamela, dentro uno tra Gervinho e Borriello. A sorpresa, però, proprio Borriello potrebbe partire titolare per dare maggiore sostanza all’attacco, anche se Garcia ha precisato che a lui interessano tre attaccanti dalle qualità intercambiabili. Cioè in grado di ricoprire tutti e tre i ruoli del reparto. Dunque, è più funzionale Borriello o Gervinho? Chissà se, alla fine, sarà determinante anche il modulo annunciato dal Livorno, cioè il 3-5-2. O, come si dice in giro, 300 mila euro da garantire a Borriello alla prima presenza ufficiale. Ma in merito a questa clausola non v’è certezza.

 
I NUOVI –  C’è molta curiosità per vedere all’opera in una gara ufficiale due neo acquisti come De Sanctis e Maicon (il terzo sarà Benatia), che finora hanno raccolto ampi consensi da parte dei tifosi. Il portiere è stato apprezzato, al di là delle sue qualità tecniche, per la personalità mostrata quando è stato chiamato ad esibirsi lontano dai pali; il brasiliano rappresenta per la Roma un investimento che potrebbe rivelarsi quanto mai azzeccato. La sua voglia di tornare quello dei tempi dell’Inter è enorme: resta da verificare se il fisico lo aiuterà a centrare l’obiettivo.
LIVORNO (3-5-2): 1 Bardi; 33 Valentini, 23 Emerson, 17 Ceccherini; 28 Schiattarella, 41 Duncan, 10 Luci, 19 Greco, 15 Mbaye; 8 Dionisi, 9 Paulinho. A disp.: 90 Mazzoni, 37 Aldegani, 11 Lambrughi, 2 Piccini, 4 Bernardini, 3 Gemiti, 5 De Carli, 7 Belingheri, 24 Benassi, 26 Siligardi, 5 Biasci, 16 Bartolini. All.: Nicola.
ROMA (4-3-3): 26 De Sanctis; 13 Maicon, 17 Benatia, 5 Castan, 42 Balzaretti; 4 Bradley, 16 De Rossi, 15 Pjanic; 24 Florenzi, 88 Borriello, 10 Totti. A disp.: 1 Lobont, 28 Skorupski, 29 Burdisso, 35 Torosidis, 3 Dodò, 46 Romagnoli, 27 Gervinho, 11 Taddei, 8 Lamela, 7 Marquinho, 18 Caprari, 20 Tallo. All.: Garcia.
Arbitro: Massa di Imperia
TV: ore 20,45 Sky Calcio 2, Mediaset Calcio 3.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy