L’addio di De Rossi, tensione capitale

L’addio di De Rossi, tensione capitale

Il saluto di Totti era stato metabolizzato, quello di Daniele è arrivato inaspettato. Domenica all’Olimpico il clima sarà avvelenato per via della contestazione a Pallotta

di Redazione, @forzaroma

Festa fa rima con protesta, nel match program di domenica sera, scrive Ugo Trani su Il Messaggero. Mai come stavolta il pubblico dell’Olimpico si farà sentire, prendendo posizione e quindi usando la voce per centrare contemporaneamente il doppio obiettivo: salutare De Rossi e contestare Pallotta.

Sono passati 2 anni esatti dall’addio di Totti, 28 maggio 2017, alla Roma e anche al calcio (giocato). Quel pomeriggio, caldo e lunghissimo, non ha niente a che vedere con la notte del 26 maggio 2019. Lacrime più che insulti, incassati comunque da Spalletti, quando fu inquadrato sui maxischermi, nonostante la qualificazione diretta in Champions e il record di punti in A del club giallorosso. In campo si presentò, udite udite, addirittura Pallotta per premiare Francesco e commuoversi come qualsiasi altro spettatore dell’interminabile abbraccio al fuoriclasse che ha vestito per 25 campionati la stessa maglia. Non sarà così, invece, tra tre giorni.

Il fine corsa di Totti fu, dunque, metabolizzato. Questo, no. Nessuno ha avuto il tempo di elaborare il lutto. Il timbro che Pallotta piazza con ferocia e arroganza sulla stagione iniziata male e finita peggio. Stravolto Daniele, perché ancora convinto di poter fare il giocatore e quindi costretto contro la sua volontà a sfilarsi la maglia giallorossa. L’alba del 14 maggio è diventata la coltellata al cuore della città.

Monta la rabbia e non c’è da stupirsi. Quella del giocatore, scaricato e umiliato. E della gente. Di strada in strada, nella Capitale. E di nazione in nazione. Coinvolto il pianeta: i giallorossi nel mondo si sono schierati contro la proprietà Usa. Striscioni e murales. Anche a Boston, dove risiede Pallotta. Lontano e assente.

Attesi circa 63.000 spettatori. E con loro i compagni dell’83, l’anno di nascita di Daniele. Che rifiuta l’esagerazione. Giro di campo con la moglie Sarah, la primogenita Gaia, la piccola Olivia e il pupetto Noah. Musiche e immagini. La targa che, assente il presidente (a Trigoria non ipotizzano lo sbarco a sorpresa), gli potrebbe consegnare Totti. Cerimonia breve e intensa. Se Daniele non ce la farà a parlare , pronta la lettera sul sito della Roma. La coreografia della Sud e lo stadio per lui. Come in ogni quartiere.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy