La Roma ? sempre peggio

di Redazione, @forzaroma

(Il Messaggero – U.Trani) Cambia l?allenatore, non il risultato. La Roma perde ancora nel 2013, solo due punti raccolti nelle sei gare di campionato del nuovo anno. La Sampdoria ha la pazienza di aspettare il secondo tempo per aggiudicarsi il match davanti all?idolo di un tempo, Roberto Mancini, arrivato ieri dall?Inghilterra. Il 3 a 1 di Marassi ? pesante per i giallorossi: sullo 0 a 0 l?arbitro toglie un gol regolare a Lamela e sull?1 a 0 Osvaldo un rigore a Totti per consegnare il pallone tra le braccia di Romero. Restano, per?, le cifre che sono inequivocabili: ? la decima sconfitta in questo torneo, la quarta dal 6 gennaio, e le reti subite sono 45. La zona Champions ? a 10 punti e pure l?Udinese ? adesso davanti: quindi nono posto in classifica. Sempre peggio.

 

UNA PARTITA, DUE PRESTAZIONI
La Roma fa un grande primo tempo: compatta e disciplinata. I giocatori si sacrificano e seguono le indicazioni di Andreazzoli. Il debutto del nuovo tecnico finisce, per?, male. Perch? nella ripresa i giallorossi ? come se non si fossero ripresentati in campo. Preso il gol di Estigarribia, sono ricomparsi i vecchi difetti. Anche la paura di sbagliare. Fragile di testa pi? che tatticamente. Come con Zeman.

 

LA MODIFICA TATTICA
Andreazzoli, riparte dalla difesa a tre che piace al gruppo, indica la nuova via. Ma non ? atteggiamento prudente. Nel suo 3-5-2, Pjanic fa la mezzala sinistra, Lamela l?esterno a destra e Marquinho quello a sinistra, dietro a Totti e Osvaldo. L?equilibrio ? ritrovato. La Roma non rischia niente, con la Sampdoria che nel primo tempo non conclude mai: a far schermo, qualche passo davanti ai tre centrali, c?? De Rossi che imposta facile e protegge senza essere in affanno. In attacco i giallorossi si affacciano spesso, anche se non sono concreti, come spesso gli ? accaduto in questa stagione. Bradley, ignorando Lamela e Osvaldo, non sfrutta la superiorit? numerica e di destro strozza a lato. Lamela, con il solito tiro di sinistro a giro, trova i guantoni di Romero che respinge. Totti, su punizione, indirizza nell?angolo basso pi? vicino e il portiere argentino devia in angolo. La chance migliore, a fine tempo, capita a Pjanic su invito, da sinistra, di Osvaldo: destro troppo lieve e Costa di petto salva in angolo.

 

L?ORGANIZZAZIONE SVANISCE
Basta una mossa di Delio Rossi per mandare in tilt la Roma nel secondo tempo: fuori Soriano dopo l?intervallo e spazio a Sansone che, sistemandosi alle spalle di Icardi, cambier? la storia del match. Andreazzoli, invece, cambia lato, e non si capisce perch?, a Pjanic, che inizia la ripresa da intermedio destro: il bosniaco, forse il migliore della prima parte, esce dalla partita come d?incanto. I giallorossi perdono brillantezza e convinzione, la Samp, invece, riparte veloce e sembra anche pi? spigliata. Al sesto segna Lamela ma l?assistente Barbirati segnala il fuorigioco dell?argentino che ? in posizione regolare. Celi annulla. Ad inizio azione ? Marquinho a essere oltre i difensori blucerchiati, non si capisce per? la segnalazione in ritardo. L?episodio incide sul risultato. De Rossi regala a centrocampo un pallone a Poli che verticalizza per Sansone, bravo a smistare a sinistra per Estigarribia: sinistro per l?1 a 0 all?undicesimo. La ripartenza ? fatale e la Sampdoria, al primo tentativo, fa centro. Stekelenburg evita subito il bis: di piede si oppone a Poli.

 

OSVALDO SCANSA TOTTI
Celi concede un rigore alla Roma, fallo di Gastaldello su Osvaldo. Il centravanti si prende il pallone e allontana Totti che ? lo specialista. Il capitano, senza parole, resta per qualche secondo sulla linea dell?area di rigore. Non capisce, ma si adegua, anche perch? dalla panchina nessuno interviene, a cominciare dal nuovo tecnico. Osvaldo batte centrale e Romero blocca. E? il ventiquattresimo. Due minuti prima Andreazzoli aveva inserito Florenzi per Bradley e avanzato Lamela: il sistema di gioco adesso ? il 3-4-2-1, con l?argentino accanto a Totti per assistere meglio Osvaldo. Sansone realizza il 2 a 0 su punizione, concessa per un fallo di Burdisso su Gastaldello. Stekelenburg prende il gol, sinistro piazzato, sul palo che dovrebbe coprire: la palla gli passa in mezzo alle mani. In quell?azione si fa male Castan che si arrende per una distorsione al ginocchio sinistro: dentro Dod?, con Marquinho che si accentra accanto a Pjanic e De Rossi che arretra in mezzo alla difesa. Su azione a destra di Florenzi, Lamela segna la sua undicesima rete in campionato, sinistro in mischia al trentesimo. La Sampdoria chiude due minuti pi? tardi il match, colpo di testa di Icardi, anticipando De Rossi, su corner ancora di Sansone. Si rivede Lopez, capocannoniere del Sub 20, in campo al posto di Marquinho. Nel recupero espulso Delio Rossi per un gestaccio a Burdisso, nervoso e spaesato, come Andreazzoli e il resto del gruppo che scivola ancora in classifica.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy