Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

Il Messaggero

La maledizione d’Oltremanica: per la Roma soltanto una vittoria

Getty Images

Anche quando si è trattato di affrontare gli inglesi nei gironi o in qualche turno precedente, le cose di rado sono andate meglio

Redazione

Terza semifinale europea in cinque anni in tre coppe diverse: la Champions nel 2018, l’Europa League nel 2021 e ora la Conference League. Per la Roma, però, c’è adesso da sfatare la maledizione inglese, scrive Stefano Carina su Il Messaggero. Ogni volta infatti che i giallorossi sono andati vicini a vincere un trofeo europeo, è sempre stata una squadra d’Oltremanica a infrangere il sogno. Senza voler rivangare la finale dell’Olimpico del 1984, persa ai rigori contro il Liverpool di Rush, Grobbelaar e Souness che per molti tifosi giallorossi over 50 ancora oggi non si è mai disputata, negli ultimi anni sono state proprio due squadre inglesi ad impedire alla Roma di accedere ad una finale. Prima il Liverpool (sempre loro!) poi il Manchester United. Contro i Reds, dopo il 5-2 incassato ad Anfield, la Roma di Di Francesco col 4-2 dell’Olimpico va davvero vicina ai supplementari. Polemiche sia all’andata che al ritorno per un gol in fuorigioco di Mané e un rigore non assegnato (mani di Alexander-Arnold). Nella passata stagione, invece, la Roma paga la serie di tre infortuni consecutivi nel primo tempo in 37 minuti (Veretout al flessore, Pau Lopez alla spalla e Spinazzola al quadricipite) che crolla sotto i colpi di Cavani. Risultato finale 6-2, ininfluente il 3-2 dell’Olimpico. Anche quando si è trattato di affrontare gli inglesi nei gironi o in qualche turno precedente, le cose di rado sono andate meglio. Soprattutto in Inghilterra e in Champions, la Roma ha rimediato quasi sempre sconfitte.  In 8 gare lontane dall’Olimpico ha raccolto solo due pareggi e ben sei sconfitte, subendo 15 gol e realizzandone solo 3.