La maledizione di Lamela: i suoi 12 gol pesano poco

di finconsadmin

(Il Messaggero – M.Ferretti) Segnando sabato sera all?Udinese (terzo gol stagionale ai friulani, dopo i due dell?andata) Erik Lamela ? salito al primo posto della classifica dei cannonieri della Roma. Dodici gol per l?argentino, uno in pi? di Dani Osvaldo e due pi? di Francesco Totti. E con dodici centri, il Coco ha doppiato il bottino del suo primo anno con la maglia giallorossa, quattro reti in campionato e due in Coppa Italia. Un salto in avanti impressionante; il segnale di una crescita certa con la sensazione che il meglio debba ancora arrivare, considerati i suoi margini di miglioramento.

 

LA STATISTICA
Ci sono numeri, per?, che non rendono fino in fondo giustizia al ragazzo di Buenos Aires. Questo perch? i suoi dodici gol hanno portato pochi punti alla Roma. Vediamo: Lamela all?Olimpico ha segnato contro il Bologna (sconfitta), l?Atalanta (vittoria), l?Udinese (doppietta: sconfitta), il Palermo (vittoria) e il Milan (doppietta, vittoria) e in trasferta in casa di Genoa (vittoria), Parma (sconfitta), Lazio (sconfitta), Sampdoria (sconfitta) e Udinese (pareggio). Insomma, un contributo – ovviamente non per colpa sua – non esaltante. Erik ha la capacit? di sbloccare le partite, cio? di segnare il primo gol, ma finora non ha avuto la fortuna di poter etichettare una sua prodezza come realmente decisiva. Se non altro, va tenuto conto della sua abilit? di spaccare in due le gare, segno che l?approccio all?impegno ? quasi sempre ottimale.

 

IL RUOLO
Con Aurelio Andreazzoli in panchina, Lamela ha cambiato (gi? un paio di volte…) ruolo passando da attaccante di destra nel tridente zemaniano a trequartista nel 3-4-2-1 del nuovo corso. Non v?? dubbio che, numeri alla mano, la prima parte della sua stagione, quella vissuta con il boemo in panchina, sia nettamente migliore: questione di gol e anche di giocate al servizio della squadra. A Udine, ad esempio, il contributo che Erik ha dato alla squadra, al di l? del gol, ? stato davvero minimo: troppo spesso fuori dalla manovra, troppo ai margini del gioco l?argentino, come confermato da Andreazzoli (?Ha giocato al di sotto delle sue possibilit??), il Coco senza il bonus della rete probabilmente sarebbe finito nell?elenco dei bocciati. E, allora, ci si chiede: qual ?, considerate le sue qualit? tecniche, il ruolo a lui pi? adatto? Lamela ? un attaccante, forse atipico ma certamente uno che sa far gol. E che, per questo, deve stare il pi? vicino possibile alla porta avversaria. Facile, no?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy