I vigili nella villa dei genitori di Totti: “Sigilli allo spogliatoio della piscina”

Sono arrivati ieri pomeriggio, poco prima che facesse buio. E hanno chiesto di vedere la piscina. È cominciato così il piccolo blitz della Polizia Municipale nella villa all’Axa in cui vivono i genitori di Francesco Totti

di Redazione, @forzaroma

Sono arrivati ieri pomeriggio, poco prima che facesse buio. E hanno chiesto di vedere la piscina. È cominciato così il piccolo blitz della Polizia Municipale nella villa all’Axa in cui vivono i genitori di Francesco Totti. Nei documenti che dovevano notificare c’era la contestazione di un presunto abuso edilizio commesso in quella residenza a ridosso di via dei Pescatori, che risulta comunque intestata al numero 10 della Roma.

A risultare fuori regola sarebbe una manufatto adibito a spogliatoio costruito accanto alla piscina della villa. Sarebbe bastata una segnalazione di un vicino e pochi scatti dall’alto per evidenziare le anomalie edilizie.  È stata una piccola task force composta oltre che da vigili anche dai tecnici del IX dipartimento anti-abusivismo supportati da altri del X Municipio a bussare alle porte dell’abitazione dove vivono da tempo i genitori del Capitano, Enzo e Fiorella.

Per il Capitano giallorosso, non sarebbe la prima volta trovarsi alle prese con problemi di abusivismo edilizio; anche se in passato ha sempre mostrato la massima attenzione al rispetto della legalità. Nel novembre di due anni fa, ad esempio, avrebbe tempestivamente chiesto il condono per una irregolarità edilizia – non addebitabile a lui – riscontrata nella villa che ha comprato nel comune di Sabaudia, sulle dune di Torre Paola. Il giocatore, per evitare l’abbattimento della cubatura irregolare aveva chiesto e ottenuto un condono aggiuntivo per una veranda esterna e il Comune di Sabaudia ha dato al capitano l’ok perché sanabili in base al vecchio condono.
Mirko Polisano

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy