Giovannelli e quel 2 marzo del 1980: “Un gol che mi ha cambiato la vita”

Mezzala classe 1960, ricorda (quasi) tutto alla perfezione: “Indimenticabile”

di Redazione, @forzaroma

Assolutamente inutile chiedergli se ha dimenticato quel gol alla Lazio. Basta andare sulla sua pagina Facebook, dare un’occhiata alla foto profilo e avrete ogni tipo di risposta. Perché in quella foto c’è lui, felice come un ragazzo che più felice non poteva essere, che corre verso la Sud per festeggiare la rete da due punti alla Lazio. Era il 2 marzo del 1980 e, come accadrà domani sera allo stadio Olimpico, si giocava Lazio-Roma. Gol di Pruzzo, pareggio di D’Amico poi, a una manciata di minuti dalla fine, lui raccoglie un pallone mal respinto dalla difesa guidata tra i pali da Cacciatori e con un destro terrificante manda il pallone sotto il sette della porta laziale e dritto dritto nel cuore della Sud, scrive Mimmo Ferretti su Il Messaggero.

Lui, Paolo Giovannelli, mezzala classe 1960, ricorda (quasi) tutto alla perfezione. “Il gol, certo. Indimenticabile. Però il tempo ha via via cancellato un po’ di ricordi del dopo derby. L’affetto della gente, in ogni angolo di Roma, ce l’ho stampato in mente, ma mi mancano un po’ di dettagli del giorno dopo”, racconta da Cecina dove è nato e vive, oggi proprietario dello stabilimento balneare Olimpia di Cecina Mare.

Con la Roma ho vinto lo scudetto del 1983, ma in quella stagione giocai poco, in campionato solo l’ultima partita contro il Torino, perché venivo da un gravissimo infortunio. Ecco perché quel gol alla Lazio è la cosa più bella che mi è capitata con la maglia della Roma. E che, non faccio fatica a dirlo, ha segnato la mia vita, perché se oggi, trentanove anni dopo, siamo ancora qui a parlare di quella partita vuol dire che non è stata assolutamente una cosa da poco…”.

Paolo segue ancora la Roma con grande partecipazione. “Ovviamente. La società a noi ex calciatori ha dato la possibilità di essere presenti all’Olimpico e lo scorso anno non ho perso l’occasione di tornare per la Champions League. Sono cambiate tante cose, in primis il calcio, ma l’atmosfera dello stadio Olimpico è sempre la stessa. Con la Sud coinvolgente, emozionante. Unica, si può dire?”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy