Gemellaggio Napoli-Roma, la legge dice no

Sul web sono nate varie iniziative per riavvicinare due delle tifoserie più calde e belle d’Italia, Facebook e Twitter i social maggiormente utilizzati

di Redazione, @forzaroma

Dopo tanti anni di divisioni e scontri purtroppo non solo verbali, ecco i primi segnali di riappacificazione tra i tifosi della Roma e del Napoli. A Testaccio infatti, come scrive Piovani su Il Messaggero, c’è stata una carbonara di pace che ha riunito azzurri e giallorossi in trattoria. Sul web sono nate inoltre varie iniziative, compresa una raccolta di firme su Change.org. C’è poi Facebook, con la pagina “Gemellaggio Napoli-Roma” che si presenta con la seguente, lodevole dichiarazione programmatica: «Mettiamo fine a questo odio insensato che divide le tifoserie più belle del Paese. Che il #DerbyDelSole torni a risplendere e a illuminare l’Italia del calcio. Rivogliamo i bambini, le famiglie, la spensieratezza, i sorrisi e gli abbracci». Il numero di adesioni raccolte in pochi giorni, provenienti da entrambe le città, è davvero incoraggiante. Su Twitter è stato lanciato l’hashtag: #dajeguagliù.

Il creatore della pagina Facebook è Domenico Cicalese, un giovane napoletano dotato – bisogna riconoscerlo – di un discreto coraggio: sabato scorso ha cercato di entrare al San Paolo esibendo uno striscione per promuovere il gemellaggio. Ma le autorità hanno vietato l’ingresso dello striscione nello stadio, evidentemente giudicandolo come recitano le disposizioni del Viminale in materia di contenuto «violento, ingiurioso o, comunque, vietato dalle vigenti normative (espressioni di razzismo, di antisemitismo, di vilipendio)». L’idea di Domenico era sicuramente meritoria e intelligente, ma non abbastanza da superare l’ottusità della burocrazia.

(P. Piovani)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy