Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

Il Messaggero

Gasp-Mou, ora chi è il Maestro?

 Getty Images

Atalanta-Roma sono loro due. E' la sfida tra chi predica un calcio offensivo e chi invece fa dell’organizzazione difensiva il suo credo

Redazione

Undici anni è la distanza che intercorre tra il Triplete e l’attuale sesto posto, tra una qualificazione in Champions sfiorata a sorpresa con il Genoa e il sogno nemmeno troppo nascosto di uno scudetto storico con l’Atalanta; tra un invincibile in cima al mondo e uno Special in cerca di rilancio. Atalanta-Roma sono loro due: Mourinho e Gasperini, scrive Stefano Carina su Il Messaggero. Perché nel pomeriggio, oltre al duello tra Zapata e Abraham, la scena la rubano i due allenatori. È la sfida tra chi vola e chi fatica a decollare, tra chi fa sognare e chi può sognare ancora poco, tra chi predica un calcio offensivo e chi invece fa dell’organizzazione difensiva il suo credo. Undici anni fa, dopo un Genoa-Inter 0-0, Mou si spese per Gasp: “Davvero bravo, ha risposto ad ogni mossa, l’unico a mettermi in difficoltà“. Moratti lo ascoltò con un anno di ritardo. Per sostituirlo, inizialmente preferì Benitez e poi in corsa Leonardo. Gasp arrivò nell’estate successiva (2011), dovendo comunque fare i conti con l’eredità pesantissima lasciata da José. La rivoluzione fallì prima di cominciare, dopo 5 partite. Oggi lo scenario è ribaltato. Il tecnico piemontese vola, quello portoghese rincorre a distanza. Il primo è moderno, l’altro per qualcuno comincia a rappresentare il passato. Eppure, 58 anni Mou, 63 Gasp. Che non dimentica. E ieri ha teso la mano verso José: “È un grande allenatore, sono convinto che potrà alzare il livello”. Una stima vera, sincera e non perché entrambi sono nati lo stesso giorno (26 gennaio).