Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

Il Messaggero

Friedkin-Mourinho: sfogo al telefono

Getty Images

Nell'ottica del tecnico, mancano tre calciatori, in quella della società più di quanto fatto in estate era difficile chiedere

Redazione

Il tempo degli equivoci è finito, scrive Stefano Carina su Il Messaggero. Ci ha pensato Mourinho a rivelare quello che a Trigoria tutti sanno ma nessuno dice. Ossia che la campagna acquisti, al di là dell'iniziale promozione pubblica, non lo ha soddisfatto in pieno. Nell'ottica del tecnico, mancano tre calciatori (un terzino destro, un difensore centrale e un centrocampista); in quella della società più di quanto fatto in estate era difficile chiedere. Lo Special One però giovedì è andato oltre, bocciando senza riserve metà della rosa. Una mossa che ha spiazzato Pinto che soltanto un paio di ore prima aveva ribadito ai microfoni di Sky una comunione d'intenti demolita a forza di dichiarazioni dal connazionale. Pinto è infatti il front-man societario scelto dai Friedkin per rappresentarli. Ma al di là del ruolo di prestigio rimane un intermediario. Tutto nella Roma infatti passa per Dan e Ryan, non sono ammesse deroghe. Anche sul mercato, motivo del contendere. E in tal senso c'è un retroscena che aiuta meglio a capire il nervosismo di Mourinho. Quest'estate, venuta meno l'ipotesi Xhaka, la Roma ha avuto la possibilità di prendere Anguissa in prestito. Ma anche per questo tipo di operazione (che il Napoli ha poi chiuso per 400 mila euro) Pinto ha ricevuto uno stop dalla proprietà: prima di un'entrata c'era bisogno che partisse uno tra Villar e Diawara. Non essendosi sbloccata nessuna cessione, il guineano, secondo il gm, poteva sopperire alla lacuna numerica. Di avviso diverso lo Special One: l'impiego che (non) ne sta facendo, ne è la dimostrazione. Tornando al ko in Norvegia, è stato mal digerito dai Friedkin che ieri non erano presenti a Trigoria. La proprietà - che sta valutando di risarcire i circa 400 tifosi che hanno seguito la squadra a Bodo - ha comunque sentito Mourinho per telefono e come spesso accade, dal muro eretto dal tandem Usa, sono arrivate soltanto reazioni di seconda mano. Dai sussurri che sono comunque circolati, le parole di José non hanno fatto piacere. Anche perché il tecnico ne aveva già parlato privatamente con entrambi, inutile quindi reiterarle in modo così diretto in pubblico.  Le parole di Mou hanno però il merito di sgomberare il campo dalle vie di mezzo: o lo si segue, accontentandolo, oppure si prende in considerazione l'idea che non è l'uomo giusto per il progetto in essere. Nel post-gara, Pellegrini e Mancini hanno parlato alla squadra, provando a riunire quello che José aveva provveduto a scollare. Quarantacinque minuti nei quali i due calciatori hanno ribadito come la sconfitta sia stata di tutti, rincuorando soprattutto Kumbulla e Mayoral, tra i più bersagliati dal tecnico.