Friedkin jr. è già al lavoro. Tor di Valle senza pace

Friedkin jr. è già al lavoro. Tor di Valle senza pace

La firma del preliminare da parte del magnate texano potrebbe arrivare già nella settimana che sta per cominciare

di Redazione, @forzaroma

Portarsi avanti col lavoro. In fondo, è quello che già sta facendo la famiglia Friedkin, in attesa di diventare proprietaria della Roma, scrive Massimo Cecchini su La Gazzetta dello Sport

Detto che la firma del preliminare potrebbe arrivare già nella settimana che sta per cominciare, la dimostrazione che il patriarca Dan e suo figlio Ryan facciano le cose per bene, lo dimostra il fatto che da mesi – soprattutto il rampollo, che sarà destinato ad occuparsi più da vicino del club – abbiano preso contatti con i maggiori club italiani, per capire meglio come funzioni il calcio nel nostro Paese e quali margini di sviluppo possano esserci.

Tra i contatti informali, com’è ovvio, c’è stata anche la Uefa, che sarà un interlocutore importante per le questioni del “financial fair play”.

Nel futuro, però, c’è anche la questione legata al nuovo stadio. Mentre il magnate ceco Radovan Vitek a marzo, grazie all’accordo con UniCredit, dovrebbe rilevare l’area di Tor di Valle di proprietà dell’imprenditore Parnasi, l’ex proprietario dei terreni, Gaetano Papalia, che li aveva ceduti a Parnasi, ritiene l’accordo nullo perché la cifra pattuita non è stata tutta versata. Per questo è pronto ad un’azione legale. A meno che UniCredit e Vitek non depotenzino le sue intenzioni.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy