Fonseca, è una notte da orgoglio romanista

Fonseca, è una notte da orgoglio romanista

Il tecnico: “In questi casi i calciatori sono motivati. Sono più preoccupato quando giochiamo contro Torino, Sassuolo o altre squadre”

di Redazione, @forzaroma

Il primo Roma-Juventus per Fonseca “è una partita speciale”, scrive Stefano Carina su Il Messaggero.

Ma il problema non è giocare con avversari come i bianconeri – spiega il tecnico – in questi casi i calciatori sono motivati. Sono più preoccupato quando giochiamo contro Torino, Sassuolo o altre squadre“.

Sembra un richiamo all’atteggiamento avuto dalla squadra domenica scorsa. Paulo se ne accorge e corregge parzialmente il tiro: “Mi riferisco alla mentalità e all’ambizione. Ai giocatori ho detto che domenica scorsa, non s’è trattato di atteggiamento sbagliato ma dobbiamo comunque volere di più. Se vogliamo essere nei primi posti, vicino alla Juventus e altre grandi, non possiamo sbagliare. È una questione di mentalità sulla quale stiamo lavorando”.

Il riferimento sembra essere al reparto offensivo, Dzeko in primis: “Dobbiamo fare più gol ma non sono preoccupato per i numeri di Edin o altri. Magari Zaniolo ha più gol degli altri esterni. L’importante è essere offensivi“.

Sibillino sulla tentazione di schierare la difesa a tre (“È una possibilità“), si lascia sfuggire: “Difenderemo alti, lontani dalla nostra porta, una squadra corta, senza spazio tra le linee. Saremo concentrati e corti“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy