Fonseca e De Zerbi si mettono in gioco

Scontro diretto ad alta quota all’Olimpico tra due allenatori che promuovono il calcio propositivo. Sono stati rivali per la panchina giallorossa, ora lo sono per un posto Champions

di Redazione, @forzaroma

La sfida è ad alta quota. I punti raccolti sono fin qui gli stessi: 18. La Roma, in classifica, ne ha però 17 per la gaffe del Bentegodi (0-0 sul campo e 3-0 a tavolino per il Verona) e insegue il Sassuolo, scrive Ugo Trani su Il Messaggero.

All’Olimpico (ore 15) resta comunque in palio la zona Champions. De Zerbi è già dentro (4° posto), Fonseca quasi (6°). Oggi lo scontro diretto, ieri la panchina giallorossa. Nel testa a testa della primavera 2019, Baldini e Petrachi scelsero il portoghese e scartarono il bresciano. Fonseca o De Zerbi, la Roma puntò insomma sul gioco. Sul calcio propositivo promosso dai due allenatori. Quello del Sassuolo oggi usa il 4-2-3-1, il sistema di gioco preferito da Fonseca, costretto però a virare sul 3-4-1-2 per ritrovare l’equilibrio.

“Loro hanno vinto le quattro partite giocate in trasferta, sono molto forti – dice Fonseca parlando del Sassuolo – Ci aspetta una gara aperta in cui entrambe le squadre vorranno il controllo del pallone“.

La sconfitta della Roma a Napoli è stato un incidente di percorso – risponde De ZerbiLa squadra giallorossa ha una forte identità”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy