Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

Il Messaggero

Donadoni: “Zaniolo ha doti da campione, ma deve convincersi e fare sacrifici”

Donadoni: “Zaniolo ha doti da campione, ma deve convincersi e fare sacrifici”

L'ex ct della Nazionale ha parlato dei due talenti azzurri della Roma e di Mourinho: "Allenare Pellegrini è il sogno di ogni allenatore"

Redazione

Roberto Donadoni è un esperto di scudetti e rincorse. Con il Milan ha vinto sei campionati, mentre da ct ha ereditato nel 2006 la gloriosa Nazionale di Lippi. Adesso segue la Serie A e la Nazionale con l'occhio attento del tecnico e del tifoso. Ecco uno stralcio delle sue dichiarazioni a 'Il Messaggero':

Senza l'infortunato Chiesa, Zaniolo può rivelarsi determinante? Può essere sicuramente fondamentale, se avrà la fortuna di non subire più incidenti gravi. È un patrimonio del calcio italiano, di un livello sopra la media: ha doti da campione, ma affermarsi a grandi livelli dipende solo da lui. Deve convincersi. Questo significa fare grandi sacrifici. Ha avuto due stop importanti, che impongono la necessità di salvaguardarsi al meglio.

A proposito di romanisti, Pellegrini per grinta e motivazioni ricorda molto Donadoni. È un giocatore dotato, con carattere e una personalità estremamente positiva. Non si risparmia mai, emerge che ha grande passione e che punta a scendere sempre in campo. La sua determinazione certifica la sua personalità. Come allenatore amo i calciatori che danno tutto e ai quali bisogna dire calma. Allenare giocatori come Pellegrini è il sogno di qualsiasi tecnico.

Mourinho del resto ne vorrebbe tre. Come giudica il lavoro del portoghese? Mi aspettavo quello che disse al suo tempo. Quando si lavora e si intraprende un cammino nuovo, in una realtà diversa, è normale trovare pregi e difetti. Bisogna avere la costanza e la voglia di lavorare. Solo attraverso l'impegno e le competenze si può ottenere qualcosa, e non per grazia ricevuta. Il nome altisonante amplifica le aspettative dei tifosi: c'è grande attenzione e credibilità, che però bisogna confermare.