Diawara, vantaggi e rischi di non andare sotto i ferri

Diawara, vantaggi e rischi di non andare sotto i ferri

Il centrocampista, dopo aver effettuato dei test fisici sul ginocchio, in accordo sia con il club sia con il Prof. Cerulli ha deciso di continuare la terapia conservativa

di Redazione, @forzaroma

Avanti, con riserva, scrive Stefano Carina su Il Messaggero. Diawara – fermo dal 12 gennaio – s’è sottoposto ad un controllo al ginocchio sinistro (lesione al menisco esterno,martedì nuova visita).

Il centrocampista, dopo aver effettuato dei test fisici sull’arto (già operato a ottobre), in accordo sia con il club sia con il Prof. Cerulli ha deciso di continuare per un paio di settimane con la terapia conservativa.

Una scelta che potrebbe rivelarsi alquanto rischiosa. Il Prof.Mariani, nel primo consulto effettuato, gli aveva infatti consigliato di operarsi per non rischiare danni alla cartilagine. E il luminare non ha cambiato idea. Senza contare che i test di ieri hanno contemplato cambi di direzione, arresti e allunghi ma non una vera e propria seduta di allenamento con contrasti di gioco. Tradotto: non è escluso che nel prossimo futuro, il ragazzo non debba convivere con un ginocchio che, dopo uno sforzo prolungato, possa gonfiarsi. Un pericolo che Diawara ha deciso di correre. L’intervento, però, è solo rimandato. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy