“Chiederemo i danni alla Roma”. Ma lo stop allo stadio è confermato

Continua la querelle sul progetto dell’impianto di Tor di Valle. Eurnova scrive al Campidoglio

di Redazione, @forzaroma

Continua la querelle sul progetto dello stadio della Roma di Tor di Valle, per il quale la società giallorossa ha recentemente rinunciato a procedere, viste le tante condizioni avverse al piano. Eurnova ha scritto ieri al Campidoglio per chiedere di non bloccare il progetto, riservandosi ad adire le vie legali nei confronti della Romaper gli enormi danni che sta provocando”. E il Comune non cambia idea: “Decisione presa dal club“.

Secondo Eurnova, scrive “Il Messaggero”, gli obblighi assunti “sul piano pubblicistico sono irrevocabili, in quanto assunti in base ad una precisa disposizione di legge ed anche nell’interesse pubblico“. Per questo “si chiede a Roma Capitale di non dar corso alla temeraria richiesta della AS Roma di adottare tutte le misure necessarie ed opportune per estinguere definitivamente il procedimento relativo al progetto, poiché AS Roma non è il soggetto proponente e non è compito di AS Roma valutare quale sia l’interesse pubblico“.

Nonostante la presa di posizione di Eurnova, non cambia la situazione, con Campidoglio e società giallorossa che confermano le problematiche emerse negli ultimi tempi, che hanno portato allo stop all’intero piano. La Roma ha richiesto un incontro all’amministrazione comunale, per confrontarsi su un nuovo progetto. La riunione dovrebbe tenersi già in settimana e il Campidoglio, guidato da Virginia Raggi, è disponibile a valutare subito altre aree. La Roma dei Friedkin ora è pronta a ricominciare da zero perché, come per tutte le aree del club già soggette a cambiamenti dal loro arrivo, deve esserci il loro tocco.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy