Caso Diawara, i giallorossi cercano il punto di Verona

Oggi alle 14,30 il ricorso del Club. La sentenza è attesa nel tardo pomeriggio

di Redazione, @forzaroma

La Roma vuole subito il 2° posto. Per riuscirci non si sa nemmeno se basterà l’impresa fuori del campo, provando ad annullare, con il ricorso, lo 0-3 a tavolino a seguito dell’errore nella compilazione della lista di gara (assenza di Diawara) nel match del 19 settembre al Bentegodi contro il Verona, come riporta Il Messaggero.

A presiedere – via web (ore 14,30) – non sarà Piero Sandulli ma il suo vice Lorenzo Attolico, cambio in corsa obbligato per la battuta tagliente pronunciata dal presidente della Corte d’Appello sulla vicenda che causò la replica velenosa del Ceo Fienga (“Permetteteci almeno la difesa“).

La sentenza è attesa nel tardo pomeriggio. Missione quasi impossibile; il fatto che in questa fattispecie regolamentare non esista una gradazione della pena, diminuisce i margini di successo. Partendo da questo presupposto, però la società giallorossa contesterà proprio l’iniquità della norma. La Roma evidenzierà inoltre sia il mancato vantaggio (aveva 4 slot liberi da utilizzare) che la compartecipazione della Lega Calcio nell’errore.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy