Candela: “Una situazione surreale, ma io sto con Francesco”

Candela: “Una situazione surreale, ma io sto con Francesco”

L’ex terzino giallorosso: “le tempeste non arrivano solo per distruggere la vita, ma per ripulire il cammino. Ovunque, sarà sempre il mio capitano”

di Redazione, @forzaroma

“Io ancora non ci credo, Totti lontano dalla sua Roma: surreale” dice Vincent Candela intervistato da Alessandro Angeloni su Il Messaggero.

Surreale, inaccettabile per una città che vive di sentimenti e non di vittorie. “Francesco ha fatto un percorso di trenta anni con gli stessi colori addosso. Non è facile pensarlo lontano dalla Roma. Ha fatto tanto per quella maglia, la sua storia è nei numeri, non nelle chiacchiere. Poi, come tutti, ha i suoi difetti, ma questo è normale”.

La Roma ha fatto le sue scelte. “Totti è un simbolo, uno che capisce di calciatori come pochi, ma il padrone della Roma è Pallotta”. Ma cosa voleva fare Francesco? “Occuparsi di calcio, far parte di uno staff che potesse prendere decisioni tecniche. Ripeto: Totti capisce di pallone. Poi, ovvio: non poteva fare tutto lui. C’è un ds, un allenatore. Ma il suo parere poteva contare molto”.

E poi c’è Baldini? “Lui è un uomo influente, questo sì. Io sto con Totti, magari il presidente sta con Baldini”. Ha sbagliato Totti in questi due anni? “No. Si è sempre messo a disposizione. E’ chiaro, non era facile diventare un manager in poco tempo”.

Che ne sarà della Roma senza romani? “Si va avanti. Per me nulla viene a caso. Francesco troverà una dimensione altrove. Come ho letto di recente, “non tutte le tempeste arrivano per distruggerti la vita. Alcune arrivano per pulire il tuo cammino”. Chissà”.

Dove lo vede Totti in futuro? “Lo vedo come un uomo libero. Tra i campioni come Figo e Ronaldinho, a rappresentare il calcio nel mondo. Ovunque, sarà sempre il mio capitano”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy