Baldini: “Non temo il giudizio della nostra gente”

di Redazione, @forzaroma

(Il Messaggero – S.Carina) Franco Baldini torna a parlare e nel momento più difficile della stagione non abbandona Luis Enrique.

«Dubbi sul presente? No, non ne abbiamo assolutamente. Siamo poco felici per la sconfitta nel derby ma orgogliosi dell’atteggiamento della squadra, del nostro allenatore, di come prepara le partite. Il piano era impostare una squadra nuova che avesse una sua identità e che potesse offrire qualche orizzonte. E questo, grazie al nostro tecnico, io lo vedo». Una difesa, quella effettuata dal dg nei confronti di Luis Enrique, che indirettamente è anche una difesa del suo operato, essendo stato proprio lui ad aver scelto l’allenatore spagnolo, al quale imputa poco o nulla della sconfitta contro la Lazio: «In 10 era il massimo che potevamo fare. La Champions? Nessuno si aspettava che con questa rosa potessimo ambire a traguardi più grandi».

Valutazione diameralmente opposta rispetto a quella del 23 febbraio: «Noi non abbiamo mai parlato di stagione di transizione – aveva dichiarato – semplicemente non ci sentivamo di fissare degli obiettivi perché non conoscevamo le reali potenzialità della nostra squadra. Ora è cambiato tutto: adesso il traguardo può essere l’ingresso in Champions». Baldini è consapevole che la sconfitta nel derby può iniziare a scalfire la fiducia della tifoseria: «La gente può manifestare come crede la sua gioia o il suo disappunto. Non temiamo il giudizio dei nostri sostenitori, avendo intrapreso con coscienza questa strada. Se non sarà possibile portare avanti questo progetto, ce ne renderemo conto». Passerella finale sulla direzione dell’arbitro Bergonzi: «Non è che non ne vogliamo parlare per uno spirito missionario ma perché non ci possiamo lavorare. Possiamo farlo su noi stessi ma parlare dell’arbitro è spesso un alibi. Il rigore? Eccessiva l’espulsione».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy