Aurelio suona la carica

di finconsadmin

(Il Messaggero – U.Trani)???Penso solo al Pescara?. Aurelio Andreazzoli evita di giocare il derby gi? a Milano. Ma sa che la gente vuole la Decima, sarebbe la pi? bella, niente a che vedere con le altre nove coppe. E osserva, prima di lasciare il campo, pi? di duemila tifosi a cantare a San Siro per la Roma che segna i suoi tre gol proprio sotto il settore colorato di giallorosso. Capisce e spiega: ?Dobbiamo arrivare alla partita con la Lazio in condizioni morali e fisiche ottimali. Ma questo ? possibile solo vincendo le prossime gare di campionato?. E aggiunge che pure lui ha in testa quella partita. Da sempre. ?Quando sono stato chiamato dalla societ?, mi sono proposto degli obiettivi, tra questi anche la finale di Coppa Italia. Un derby per l?assegnazione di una coppa ? qualcosa di speciale. Ma non c?? solo quello perch? poi rischiamo di buttare all?aria tutto quello che di buono abbiamo fatto. Da quando ci sono io, siamo terzi dietro Juve e Milan. L?altalena non ? una sorpresa. Ma vola alto?. Insomma, vuole restare anche l?anno prossimo.

 

 
IL NUOVO RUOLO – ??A fine gara ho pensato alla mia famiglia?. All?andata, il 23 gennaio, sulla panchina della Roma c?era Zdenek Zeman. Adesso il primo ? lui e scopre che cosa significa essere protagonista: ?Mi sono sentito cos? dal primo giorno, con responsabilit? e con gusto, perch? mi diverto. Ho dato una mano a ritrovare le componenti che nel calcio contano: la voglia di partecipare, di fare gruppo e di gioire insieme. Ecco che cosa significa per me essere l?allenatore della Roma?. E chiarisce i suoi interventi in questi due mesi e mezzo: ?Il gioco questa squadra lo aveva gi?, e spettacolare. Poi c?erano altre situazioni, ne abbiamo dovuto tenere conto. Ci abbiamo lavorato. Eravamo sfiduciati, bisognava costruire l?entusiasmo e l?appartenenza ai colori. Ora il gruppo ? compatto, abbiamo difficolt? fisiche ma siamo contenti. Non ? il nostro momento massimo, ma la situazione si sistemer??.

 

 
IL DISCORSO NELLO SPOGLIATOIO – ?Sotto di un gol, Andreazzoli tra i due tempi avverte i giocatori: ?Gli ho detto che cos? non avevamo speranze di ottenere l?obiettivo. Perch? quando non siamo aggressivi e non mettiamo in campo le nostre peculiarit? e siamo passivi, subiamo l?avversario. Ho chiesto di non essere approssimativi e sono uscite fuori le nostre qualit?. Dovevamo darci una scossa. Abbiamo ripreso un ordine logico nel secondo tempo?. Resta sui quei venticinque minuti di black out: ?Abbiamo dato l?impressione di esser privi di energie, idee, tutto. Non era un problema fisico, ma solo di approccio alla gara. E non ? la prima volta che accade. Anche a Torino abbiamo avuto bisogno di uno schiaffone per riprenderci. ? strano, perch? a volte, come nel derby, vai sotto e ti spegni per dieci minuti. O a Torino vai avanti ma poi ti fermi e ti rovini la vita. Poi i ragazzi riescono a ricomporre il gruppo e a raschiare il fondo del barile per recuperare energie e andare a vincere, come a Torino e qui?. Ammette che la difesa a quattro funziona: ?Quando affrontiamo squadre con una punta, ci troviamo meglio cos??. Okay le tre punte: ?E? una fisionomia che ci piace: il nostro calcio ? la ricerca del gol?. Non boccia Marquinho terzino ?perch? altre volte lo aveva fatto?, ma promuove Balzaretti che ?? stato molto bravo?.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy