Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

Il Messaggero

Afena-Gyan, la baby-sfida di Mourinho

Getty Images

L'attaccante della Primavera di Alberto De Rossi è stata la mossa dello Special One con la quale ha cambiato il match di Cagliari

Redazione

"E un ragazzo in più". Mourinho non ha bisogno di elencare i debuttanti lanciati nella sua lunga carriera, scrive Ugo Trani su Il Messaggero. Ormai avrà perso il conto. Ha però voluto ricordare la semina delle sue 15 partite con la Roma. In Sardegna, dalla tribuna, ha chiesto a Sacramento di fare conoscere uno dei più giovani del gruppo, il diciottenne ghanese Felix Ohene Afena-Gyan, attaccante della Primavera di De Rossi senior. Non una decisione fine a se stessa. La mossa cambierà la storia del match. Felix è l'ultimo dei ragazzini messi in campo dallo Special One dall'inizio della stagione (è anche il primo 2003): i centrocampisti Bove e Darboe, anche una presenza da titolare per il gambiano e l'esterno offensivo Zalewski. Nelle amichevoli ha spesso utilizzato anche Tripi. In panchina con il Napoli si è affacciato Missori (il più giovane, classe 2004), e mercoledì sera lo ha sostituito con Volpato (classe 2003 come il ghanese), primo baby della scuderia Totti a essere convocato. Felix e non per caso. Era il nome del papà di Mou, il faro della sua vita, l'ex portiere con una presenza nella nazionale portoghese (anche il figlio si chiama José Mario Faria Mourinho Felix). Il talento di Sunyani, dove è nato il 19 gennaio del 2003, è il simbolo del nuovo corso che prevede altre gerarchie nella rosa giallorossa: Mayoral e Shomurodov sono rimasti rispettivamente a casa e in panchina. La virata è stata netta. Anche perché il ghanese, rispetto agli altri pischelli della Roma usati fin qui da Josè, è l'unico ad aver festeggiato l'esordio in serie A e a 18 anni, 9 mesi e 8 giorni. Non il più piccolo, però, a entrare in scena in questo campionato. Scalvini (Atalanta) lo ha anticipato: 17 anni 10 mesi e 13 giorni. Ma il portoghese non si ferma all'età. Di Felix già si fida. Gli piace come si allena, come partecipa e come impara. Lo ritiene utile per far decollare Abraham che ha iniziato a giocare a Cagliari proprio quando, dopo meno di un'ora, è entrato il ragazzino: felice di Felix. Come lo sono a Trigoria che continua riempire di gioielli la sua cassaforte. Basta pensare che tra i primi 10 giovani che hanno esordito in questo torneo ce ne sono altri tre che arrivano dalle giovanili giallorosse: Ciervo (Sampdoria), Cancellieri (Verona) e Podgoreanu (Spezia).