Totti: Sto bene, gioco

di Redazione, @forzaroma

(Corriere dello Sport – R.Maida) A un certo punto la rabbia per un attacco rabberciato si è trasformata in angoscia per la difesa: nell’ultimo allenamento, si è bloccato Castan. Vuoi vedere che, con Burdisso già fuori, a Genova tocca alla coppia Marquinhos-Romagnoli, che in due fanno meno dell’età di Totti? Invece è stato proprio Castan a spegnere l’allarme: «Ho preso solo una botta al piede (un pestone al mignolo, ndi) , ma sono pronto a giocare» . Infatti nel pomeriggio, sull’aereo della squadra, c’era anche lui. E camminava bene. Guiderà in campo l’amico Marquinhos, 18 anni, alla seconda di fila da titolare in serie A.

CONTATI – Un problema in meno per la Roma, che già si presenterà davanti a Borriello con una sola punta in panchina: Nico Lopez. Destro, come si era capito già venerdì, non ha recuperato, anche se Zeman ha definito «non grave» il suo infortunio. E anche Tallo, l’alternativa delle alternative, si è fermato per una sospetta lesione a un polpaccio. In più Osvaldo ha dolori alla schiena e non si è tirato indietro ma non è al massimo. Meno male che c’è Totti, tanto per cambiare. «Sto bene, la coscia è ok» ha confermato con un sorriso prima di imbarcarsi per Genova, come sempre sotto assedio dei tifosi innamorati. «Le polemiche degli ultimi giorni? Ormai… siamo abituati» ha aggiunto. Non erano invece abituati, i giocatori, alle richieste di autografi in volo. Soprattutto se provenienti da una signorina appariscente nel look ed esuberante nei modi. Ma la squadra ha reagito con grande professionalità: due firme educate e poi ognuno per sé. Non è una gita di piacere, c’è una partita da vincere.
BALLOTTAGGI – I dubbi di formazione, dando per scontato il rientro di De Rossi, sono due: il terzino destro e l’interno sinistro. Seguendo le indicazioni di Zeman, dovrebbero essere Taddei e Florenzi i prescelti. Taddei perché, rispetto a Piris, ha lavorato a Trigoria con profitto nelle due settimane di sosta. E Florenzi perché, a parità di viaggi in nazionale, ha una condizione atletica migliore. Ma chissà che non salti fuori una sorpresa: Marquinho, Bradley. Sono tutti sulla corda. L’unico centrocampista (quasi) sicuro di giocare è Tachtsidis, l’ex che non ha mai indossato la maglia del Genoa. «Mi ha soddisfatto in queste settimane – ha spiegato Zeman – e sono sicuro che non avvertirà la pressione. L’importante è che non gli venga chiesto di risolvere da solo tutti i problemi della Roma. Questo non è possibile» . A quanto pare soltanto Tachtsidis, nella visione del maestro, interpreta correttamente la posizione di mediano. Meglio di De Rossi, che ha cominciato il campionato lì ma adesso è stato spostato di qualche metro a destra. E meglio di Bradley, che pure nel Chievo e nella nazionale americana ha fatto spesso il playmaker. Se le prove delle ultime ore sono veritiere, giocherà lo stesso centrocampo che ha cominciato la partita vinta a San Siro contro l’Inter. Magari anche la scaramanzia conta.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy