Totti è un rebus. Roma in ansia

di finconsadmin
Totti sì, Totti no. Garcia ieri ha osservato il Capitano mentre svolgeva lavoro differenziato con Vito Scala. E’ una Roma a pezzi quella che ha lavorato ieri pomeriggio a Trigoria, come riporta l’edizione odierna del Corriere dello Sport. La lista degli assenti si è allungata. Ieri non si sono allenati né Torosidis né Jedvaj, causa febbre. Poi ci sono Balzaretti e Strootman definitivamente indisponibili per questa stagione; Mehdi Benatia che dopo la lesione muscolare rimediata a Cagliari sarà fuori almeno un mese. Infine gli squalificati Pjanic, Florenzi e Destro. Garcia ha veramente gli uomini contatie per la panchina dovrà attingere dalla Primavera di Alberto de Rossi.
Tutto però ruota ancora intorno al nome di Francesco Totti. Con lui o senza di lui la differenza è tanta. Soffre di un lieve risentimento muscolare, avverte ancora qualche fastidio quando va a calciare forte il pallone. Non ci sono lesioni, ma resta il rischio che in partita si possa aggravare la situazione. E la Roma, come gli stessi Totti e Garcia, non vuole correre rischi di questo tipo. Le 36 ore che mancano alla partita con l’Atalanta possono far cambiare la situazione. Viste le assenze, la presenza in campo di Totti sarebbe importante, anche a livello psicologico e sulla scia dell’indignazione per il caso Destro.
Battere l’Atalanta servirà anche per blindare definitivamente il secondo posto, anche se per la sicurezza matematica mancano ancora sei punti. Si andrebbe anche nuovamente a meno 5 dalla Juve.

 

Ad oggi la Roma contro l’Atalanta potrebbe essere una Roma mai vista, ancora competitiva ma non al massimo delle sue potenzialità: De Sanctis in porta, Maicon, Toloi, Castan e Romagnoli in difesa, Taddei, De Rossi e Nainggolan a centrocampo, Bastos, Ljajic e Gervinho in attacco. Se ci sarà Totti, il ballottaggio sarà tra Ljajic e Bastos.
Il serbo aspetta da tempo un’occasione per ribadire il suo valore. In difesa si darà un’altra grande chance a Toloi per convincere Garcia. Il difensore ex San Paolo aveva esordito nel match contro il Torino e non giocava da quattro mesi. Ora però la Roma ha bisogno del miglior Toloi per lo sprint finale, dunque le aspettative su di lui sono importanti. Capitolo terzino sinistro: una maglia per tre. Torosidis, Romagnoli e Dodò. Favorito il romano. Dall’altra parte Maicon sarà chiamato soprattutto a compiti di spinta e d’impostazione.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy