Totti a casa di Piola

di finconsadmin

Nulla di punitivo dopo le ultime gare, ma la dirigenza ha deciso che la squadra resti a Novara dopo l’impegno di domani a Torino, per poter preparare al meglio la sfida del 17 contro l’Inter al Meazza. ?Facce contente di fronte alla notizia ieri a Trigoria se ne sono viste poche, ma la decisione ha senso e i giocatori se ne rendono conto. Per aggiungerne altro, di senso, la sede del ritiro non punitivo di Totti e dei suoi ? stata fissata al centro sportivo di Novarello. Novara, naturalmente. La citt? in cui Silvio Piola ha chiuso la carriera e ha segnato l?ultimo gol a quarant?anni. Contro il MIlan. Lo avevano sbolognato in Serie B dalla Juventus. Perch? era anziano, imbolsito e ormai pensava solo ad andare a caccia. C?? gente che ha l?occhio lungo. Piola port? il Novara in A, gi?c? altre sei stagioni, invecchi? in Nazionale. A Novara gli hanno intitolato lo stadio. Non ne avevano avuto la possibilit? neppure a Roma, dove con la Lazio gioc? 227 partite, segn? 143 gol, esord? in Nazionale e fece dimettere un presidente che aveva pensato: o io o lui.

 

 

 

Dalla provincia di Pavia dov?era nato a Vercelli, a Torino dove illumin? entrambe le squadre storiche, nessuno ha mai dubitato che Piola sarebbe rimasto per l?eternit? il capocannoniere del campionato: 274 gol a girone unico, 290 contando anche l?anno in cui il torneo rinasceva dopo la guerra e per cominciare lo divisero in due. L?unico che ne dubitava, e forse ne dubita sempre, ? proprio Francesco Totti, il quale non mette limiti alla propria provvidenza personale. Ancora s?immagina di battere quel record che dovrebbe restare millenario.

 

 
Pacato suggerimento per la Roma, che peraltro ci sta pensando. Visto che Piola ? la bandiera storica della Lazio, visto che con i derby si soffre a mantenere la calma e l?ordine pubblico, visto che vuoi o non vuoi Totti e Piola sono personaggi paragonabili per l?impatto che hanno avuto sul calcio italiano intero: sarebbe bene favorire un incontro tra il romanista e la famiglia del laziale. Totti va ad allenarsi l?, nei luoghi di un uomo che nessuna persona ragionevole pu? considerare un nemico di Francesco. Semmai un suo maestro a distanza. Non pu? legarli altro che l?ammirazione in terra e, per chi non ? troppo laico, uno sguardo dal cielo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy