Spalletti: “Andreazzoli ? la soluzione”

di Redazione, @forzaroma

Ecco uno stralcio dell’intervista pubblicata oggi sul Corriere dello Sport a Luciano Spalletti, tecnico dello Zenit San Pietroburgo ed ex allenatore della Roma:
Luciano Spalletti, visto quello che ? accaduto alla Roma?
?Naturalmente, e mi dispiace molto, moltissimo?.
Zeman doveva rappresentare una scelta vincente e invece…
?Guardi, uno dei motivi della mia amarezza sta proprio in questo. Da romanista, se mi permettete questa espressione, l?idea Zeman aveva entusiasmato anche me?.

Sono stati giorni febbrili, di contatti frenetici…
?Le dico subito che da Roma nessuno mi ha chiamato?.

La scelta della societ? giallorossa per il dopo Zeman si chiama Andreazzoli, non certo un nome ?neutro? per lei
?Scelta intelligente. Andreazzoli vive da molti anni a Roma, meglio, vive da molti anni la Roma. Mi pare anche che sappia incarnare lo spirito romanista. E le assicuro che questa ? una delle chiavi pi? importanti per fare bene in un ambiente tanto esigente. Aurelio ? la soluzione giusta per rilanciare la squadra?

Nessuno discute le qualit? professionali mirate di Andreazzoli. Ma qui si tratta di prendere in mano la Roma. Lei cosa ne pensa?
?Io dico che in una situazione come questa Aurelio pu? avere dei vantaggi?
Pu? spiegarli?
?Aver vissuto tutti questi anni ad altissimi livelli, accumulando esperienze di campo e di spogliatoio, e averlo fatto rimanendo un passo indietro rispetto all?allenatore in prima, spesso esasperato e stressato da tante situazioni, pu? adesso permettergli di giocare al meglio le sue carte?.

Sul piano tattico verr? riproposto il ?mitico? 4-2-3-1 della sua Roma
?Della nostra Roma. Eppoi non c?? niente di mitico. Come ? nato quel modulo l?ho spiegato tante volte: il 4-2-3-0 lo chiamavo, dato il ruolo strategico di Totti, decisivo nell?accorciare e nella profondit?. Un modo di giocare che non dava riferimenti alle difese avversarie, un po? come fa il Barcellona… e come faceva una Roma bellissima?
Ma la paternit? di quel modulo a chi appartiene: a lei o al suo ?tattico? Andreazzoli?
?Aurelio conosce quei movimenti come le sue tasche. Sapr? riproporlo immediatamente. Io ho sempre confrontate le mie idee con i miei collaboratori. Alla Roma accadde cos? anche in quel caso e lui fu subito convinto di quel progetto tecnico?.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy