Sabatini: Rivincita in campionato

di finconsadmin

Ha gli occhi stanchi, di chi ha preso il colpo e non l’ha ancora metabolizzato. Non era questo che immaginava, Walter Sabatini, anche se un po’ si aspettava la rabbiosa reazione del Napoli. Come riporta l’edizione odierna del Corriere dello Sport, magari pensava ad una vittoria.

 


Analisi. Concorda con il suo allenatore sull’equilibrio della doppia sfida che non è stato cancellato al San Paolo. «Abbiamo compromesso la qualificazione in parte all’andata, dopo il 2-0 – spiega -. Qui avevamo cominciato bene, stavamo giocando un bel calcio, poi la situazione è degenerata dal punto di vista del risultato. Abbiamo sofferto il Napoli ma credo sia normale. E’ una grande squadra. E per battere una grande squadra bisogna mettere in campo tutte le qualità che hai.»  
 
Nervi.La Roma perde le staffe quando perde. Anche ieri un cartellino rosso, quello di Strootman. Sabatini spiega: «E’ un bene essere nervosi. Non si può suonare il violino mentre il Titanic affonda. In questo caso poi, senza voler contestare l’arbitro perché sarebbe ridicolo, mi è parsa un’espulsione affrettata». 

 

I singoli. Non boccia Bastos alla prima partita da titolare, anche se non ha convinto da terzino: «E’ capitato nella serata sbagliata,ma ha qualità e piede che ci verranno utili.  Quel ruolo può farlo, magari soffrendo un po’ perché nel corso della carriera è stato avanzato di posizione» . Su Destro, che non riesce ancora a esplodere, Sabatini giura: «E’ un calciatore fortissimo, un grande centravanti, un patrimonio della Roma. Gli è mancata la continuità ma lo conosciamo bene e sappiamo cosa possa darci in futuro.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy