Roma, una miniera di gol

di Redazione, @forzaroma

(Corriere dello Sport – R.Boccardelli) A leggere questa di classifica c’è da restare interdetti. Della serie: dov’è l’errore? Che ci fa la Roma tra le squadre che guidano i campionati più importanti d’Europa, precedendo tra l’altro club come Real Madrid, Psg, Borussia Dortmund, Manchester City… Eppure l’errore non c’è. Con i suoi 38 gol in 16 partite (media-gara 2,38), considerando anche i 3 gol assegnati a tavolino dal giudice sportivo, la Roma è al quarto posto nella classifica delle squadre che hanno segnato più gol considerando Serie A, Premier League, Liga, Bundesliga e Ligue 1, ovvero il meglio a livello continentale.

 

NUMERI DA ZEMAN – Si poteva ipotizzare, con il ritorno del boemo, una Roma molto prolifica in zona gol. Ma l’equazione non era… matematica. E invece, pur tra mille difficoltà e prestazioni sconcertanti, la Roma non solo è l’unica squadra della serie A ad aver segnato almeno un gol in ogni partita, ma è anche quella con l’attacco migliore. Staccata la Juventus (a quota 33) di ben 5 reti. Le altre lontane. Numeri importanti: due quaterne, con Genoa e Fiorentina, e due tris, all’Inter e al Siena.

 

TRA LE GRANDI – Però, a guardarla bene è anche una classifica che riempie d’orgoglio il tifoso giallorosso e che può dare materia su cui riflettere a tecnico e dirigenza. La Roma è dietro solo al massimo che l’Europa può offrire: il Barcellona di Leo Messi, lo United di Wayne Rooney e la corazzata Bayern, da sempre ai vertici del calcio internazionale. L’anomalia naturalmente c’è: queste grandissime squadre (e anche il Lione che segue la Roma nella graduatoria dei gol fatti) sono tutte prime in classifica nei rispettivi campionati. Un alieno che guardasse questi numeri si stupirebbe a constatre che invece la Roma dei 2,38 gol a partita è solo quinta in classifica, addirittura a 9 punti dalla vetta. Naturalmente c’è un perchè, e non è neanche troppo misterioso: il saldo tra i gol realizzati e quelli subiti (come spesso accade alle squadre di Zeman) non è proprio il massimo della vita. (…)

 

FUORICLASSE – I tanti gol della Roma portano firme illustri, prima fra tutte quella di Francesco Totti, l’intramontabile. E questo studio ci è venuto in mente anche verificando i tabellini delle altre gradi d’Europa. Così ci sembrava quasi naturale accostare la doppietta del capitano giallorosso, ormai a quattro gol da Nordahl, a quelle messe a segno nella stessa, scorsa giornata di campionato da altri due campioni autentici: Leo Messi, che ha agganciato e superato Gerd Muller quanto a gol in un anno solare, e Wayne Rooney, altro giocatore in grado di caricarsi lo United sulle spalle e fargli vincere il derby col City. (…)

 

TUTTI IN GOL – In 15 partite la Roma ha mandato in gol ben 11 giocatori (sarebbero stati 12 se non fosse stati annullato ingiustamente il gol a Marquinhos contro i viola), una squadra intera, segno che anche il gioco (al di là delle eccellenze individuali) comincia a dare i suoi frutti.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy