Roma, per Borini si lotta col Parma

di Redazione, @forzaroma

(Corriere dello Sport – R.Maida) – Fabio Borini sta diventando un caso diplomatico. Sospeso a metà tra la Roma e il Parma, a otto giorni dalla chiusura degli accordi per le comproprietà non sa ancora dove giocherà il prossimo anno.

La Roma è molto irritata dall’atteggiamento del Parma, mentre Ghirardi sta sfruttando la scia europea che ha valorizzato il giocatore per vendere la sua parte al migliore offerente.

 

L’INTESA – La Roma aveva preso Borini il 31 agosto, in prestito con diritto di riscatto. Ma a gennaio, le due società si erano accordate per trasformare il prestito in comproprietà. Con l’idea di discutere il futuro del ragazzo non subito, ma il prossimo anno. La Roma era convinta di avere ricevuto una promessa dal dg Leonardi: «A giugno rinnoviamo la compartecipazione, poi discutiamo nel 2013» . Borini stesso era tranquillo e sicuro di continuare a Roma, tanto è vero che ha comprato casa sull’Ardeatina, non lontano da Trigoria. Però il Parma vede la questione in un’altra maniera e si è sentito libero, come da contratti firmati, di trattare la metà di Borini con altre società: Inter, Juventus, qualcuno dice anche il Psg. Per ora non ha venduto. E la Roma spera che continui a non vendere, per trattenere Borini senza spendere. La soluzione più probabile rimane quella, il rinnovo gratuito con risoluzione rimandata, ma vista la tensione che si è creata nei rapporti tra i club può succedere di tutto. Non a caso, per l’attacco della Roma è tornato a circolare il nome dell’argentino Gomez del Catania. E poi c’è sempre Destro, che però è vicinissimo all’Inter.

SERENITA’ – Molto più liscia la questione che riguarda Alessandro Florenzi, ex capitano della Primavera romanista che ha giocato un campionato fantastico in serie B nel Crotone (è un centrocampista, ha segnato 11 gol senza rigori). Secondo gli accordi dello scorso anno, il Crotone ne ha riscattato la metà per 250.000 euro. Ora però la Roma vuole riprenderselo perché piace a Zeman e anche a Sabatini. Lo avrà. Il Crotone otterrà gratis la comproprietà del giovane Pettinari, che già quest’anno era in rosa, magari il prestito di Piscitella, attaccante esterno del 1993 (…)

MEDIANA VERDE – E se Florenzi rientrerà a Trigoria per giocarsi subito le sue carte, lo stesso farà un altro giovane centrocampista del 1991: Andrea Bertolacci, di ritorno dal prestito al Lecce. Ha il contratto in scadenza tra un anno ma intende rinnovarlo per coronare il sogno di giocare finalmente nella Roma. E dovrebbe essere accontentato. Così come Marquinho, che Sabatini riscatterà dal Fluminense, forse anche con un piccolo sconto rispetto ai 4,5 milioni pattuiti a gennaio.

DIFESA – Tra i terzini invece è confermato l’interessamento per due giocatori protagonisti all’Europeo: il ceco Gebre Selassie, su cui c’è la forte concorrenza del Werder Brema, e il francese Debuchy. Sulla sinistra Sabatini va più cauto, perché Zeman in quel ruolo potrebbe utilizzare proprio Marquinho e avrà il giovane brasiliano Dodò da allevare. Sotto osservazione, piuttosto, rimangono i centrali, aspettando che siano definiti l’affare Castan e l’eventuale riscatto di Kjaer. A questo punto gli italiani sono saliti nelle preferenze di società e allenatore: Astori, Ogbonna, Capuano. Ma non sarà facile comprarli, così come il portoghese Rolando: costano. Più agevole la strada per il francese Ciani del Bordeaux: gli resta solo un anno di contratto. Ma non sembra una prima scelta. Piace di più Kadlec, centrale della nazionale ceca e del Bayer Leverkusen: prezzo 7 milioni. Affascinante infine la prospettiva suggerita dai media spagnoli ieri sera: Raul Albiol, riserva del Real Madrid e della nazionale di Del Bosque. Può fare il centrale o l’esterno, viene da una stagione in cui ha giocato solo 10 partite nella Liga e chiede di rilanciarsi. Compirà 27 anni a settembre. La Roma ci sta pensando perché potrebbe prenderlo in prestito.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy