Roma, occhio ai falsi amici

di finconsadmin

Quattro pareggi consecutivi ed è subito sparito l’entusiasmo delle 10 vittorie consecutive. Quattro pareggi dolorosi che hanno messo in mostra la difficoltà dei giallorossi a trovare la via del goal senza il capitano Francesco Totti. Senza il numero 10 la media realizzativa si è dimezza.

 

Il Corriere dello Sport oggi avverte la Roma sulle minacce portatele dai “falsi amici”. Per falsi amici si intende quei giocatori ed allenatori che hanno militato nella Roma o che  per quei colori hanno una fede dichiarata. Se si va a vedere con chi sono arrivati questi quattro pareggi, ci si accorge che in ognuno c’è almeno un falso amico. Il primo è stato Eusebio Di Francesco con il suo Sassuolo che ha agguantato il pareggio all’Olimpico all’ultimo respiro. Poi in trasferta a Torino è toccato a Cerci, nato a Valmontone ma prodotto della primavera giallorossa. Daniele Conti, che con il suo Cagliari questa volta non ha segnato ma è riuscito comunque a bloccare la Roma su uno 0-0 interno per poi esultare come se avesse vinto la Champions. Last ma non least Colantuono che, grazie ad una papera di De Sanctis e le sviste arbitrali, è riuscito a fermare la Roma sull’ 1a1 a Bergamo domenica scorsa.

 

Adesso è il turno di Montella, Pizarro sul campo e Pradè è Mazzoleni in tribuna. Chissà se la Roma, magari con il rientro di Totti, riuscirà a spezzare questo brutto incantesimo? Al campo la parola.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy