La Roma conquista il mondo

Il marchio si espande, il CdA si arricchisce di grandi personalità, in attesa di risultati importanti sul campo e del main sponsor

di finconsadmin

Staney Phillip Gold ha un nome ed una carriera benauguranti. Il presidente James Pallotta, come riporta l’edizione odierna del Corriere dello Sport, lo ha inserito nel CdA giallorosso. Mark Pannes, da sempre braccio destro del presidente, si concentrerà maggiormente sul progetto più ambizioso, importante e probabilmente vitale dell’intera avventura degli americani a Roma: lo stadio a Tor di Valle.

L’arrivo di Gold, uomo Disney, stuzzica naturalmente la fantasia. La Roma vanta già una collaborazione con il colosso statunitense, ma con questo inserimento di Gold nel CdA è chiara la voglia di allargare il discorso, di non fermarsi alla semplice tournée annuale a Orlando in Florida. Disney e Roma sempre più vicine naturalmente con un occhio allo stadio e alle strutture adiacenti dove Disney potrebbe occupare una parte non secondaria, con Nike, nuovo sponsor decennale ed altri brand internazionali vicini al club giallorosso. Da non dimenticare in questo senso anche l’ingresso diretto della Starwood che gestisce un immenso patrimonio immobiliare con catene di alberghi in tutto il mondo. E intanto Pallotta si presenterà il 28 a Montecarlo per il sorteggio Champions e due giorni dopo sarà all’Olimpico per Roma-Fiorentina. I giorni in cui il Comune dovrà dare il primo ok ufficiale (magari con qualche distinguo e ipotesi di modifica) allo stadio.

In tutto questo la Roma è ancora a caccia di un main sponsor da mettere sulla maglia. Da due anni la squadra giallorossa va in campo senza la fatidica scritta che può valere fino a 10 milioni l’anno, l’acquisto di un ottimo giocatore. La Roma non ha mai voluto svendere la preziosa maglia, è stata vicina all’accordo con alcune grandi aziende, soprattutto la Turkish Airlines, ma fino ad oggi non ha ancora chiuso alcun accordo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy