Out Bradley, Florenzi in volata su Tachtsidis

di Redazione, @forzaroma

(Corriere dello Sport) E’ il settore del campo che da sempre conta più degli altri. Dalla linea mediana spesso e volentieri dipendono gli esiti delle partite. E per il 4-3-3 targato Zeman, quindi Roma, il centrocampo è praticamente fondamentale. Il punto di partenza è dato dalla prova fornita dal trio Bradley-De Rossi-Pjanic contro il Catania, alla prima partita ufficiale della nuova stagione: una prova tutt’altro che brillante. Domenica sera la Roma sarà di scena in casa dell’Inter: la cerniera centrale nerazzurra è una delle più forti d’Italia, con tre giocatori del calibro di Guarin, Gargano e Cambiasso. Ovvio che serviranno «ritmo e aggressività», per dirla con il tecnico boemo, ben diverse da quella viste all’Olimpico. Il rischio, altrimenti, è quello di finire nella morsa del centrocampo nerazzurro.

 

OUT – Ci sarà senza dubbio una novità. Perché Bradley proprio alla prima di campionato si è procurato «una lesione muscolare tra il primo e il secondo grado al retto femorale destro», evidenziata ieri dagli esami strumentali svolti nella struttura universitaria del Campus BioMedico, a un passo da Trigoria. Almeno tre settimane di stop per lo statunitense, che sarà visitato di nuovo tra un paio di giorni e che per il momento andrà avanti soltanto tra sedute fisioterapiche ed esercizi di palestra specifici, senza andare a toccare la parte infortunata. Bradley proverà a rimettersi a disposizione di Zeman per Roma-Bologna, terza di campionato in programma dopo la sosta per le nazionali, nel week end del 16 settembre. Esclusa la possibilità che l’ex Chievo possa mettersi in viaggio per giocare il doppio test di qualificazione al Mondiale contro la Giamaica, tra il 7 e l’11 settembre.

 

SOLUZIONI – In netto vantaggio per la sua sostituzione c’è Alessandro Florenzi, frutto del vivaio giallorosso che la Roma ha in pratica riacquistato dopo un anno di prestito trascorso al Crotone. Florenzi ha svolto benissimo tutte le fasi dei ritiri estivi entrando in sintonia con compagni, allenatore e società. Stupisce la sua voglia di non mollare mai. Ecco perché nel momento del bisogno, nel ruolo di intermedio destro, Florenzi è una validissima alternativa. L’altra soluzione a disposizione di Zeman è l’inserimento di un altro giovane, il greco Tachtsidis, che però dà il meglio di sé impiegato da regista, in posizione centrale: a quel punto De Rossi potrebbe giocare come in Nazionale, da mezz’ala. Ma Florenzi è in vantaggio: difficile che Zeman, che probabilmente ritoccherà anche l’attacco (rientra Destro dalla squalifica), stravolga del tutto la Roma che aveva scelto per il Catania. Una squadra che dovrà cambiare ritmo, soprattutto a centrocampo.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy