Ok Zeman: «Bravi tutti. E quei due…»

di Redazione, @forzaroma

(Corriere dello Sport-A.Ghiacci) Ancora primi passi. Per Zeman la Roma non ha fatto ancora nulla di eccezionale. Siamo all’inizio e il boemo per ora chiede ancora poche cose, semplici. Però è soddisfatto, quando mancano venti giorni all’inizio del prossimo campionato anche lui ha avuto buone sensazioni. «Stiamo cercando di imparare a giocare insieme, stavolta ci siamo riusciti e ci siamo anche divertiti, potevamo fare un po’ meglio, però sono contento di quello che abbiamo fatto»

DIFESA. La squadra funziona, si muove già in maniera più che discreta. Nel periodo che manca al fischio di inizio di Roma-Catania (domenica 26 agosto), si lavorerà sul perfezionamento della squadra, tra brillantezza e schemi da mettere a punto. «Dopo un mese in giro sono contento, il gruppo si applica, cerca di fare, alcune cose non ci riescono ancora, ma in generale sono soddisfatto» . Sopra ogni altra cosa, ha stupito l’intesa che Totti e Destro hanno dimostrato di avere in maniera quasi naturale. Alla prima uscita in coppia sembrava che i due giocassero insieme da anni: «Totti ha fatto quattro-cinque assist che sono una soluzione naturale per lui, una cosa sua. Destro si è allenato pesantemente stamattina, ma si è mosso bene. Sono contento, ma l’attacco non mi preoccupa, bisogna solo trovare tempi e spazi giusti» . Il nuovo attaccante romanista è calato vistosamente a fine primo tempo: «Come ho detto ha fatto l’allenamento pesante anche stamattina (ieri mattina, ndr) lui sì che è solo all’inizio. Mi ha detto che con il Siena ha fatto poco e poi è stato fermo a lungo. Si allena da tre giorni e di solito si sente, ma ha fatto movimento» .

 

DIFESA – Sulle due corsie laterali si sono visti all’opera, per la prima volta con la maglia giallorossa, Balzaretti e Piris. (…)«Balzaretti anche all’Europeo ha giocato qualche volta a destra, può farlo anche con noi. Abbiamo tre terzini e tre centrali, si può giocare anche così, speriamo solo che qualcuno non si faccia male» . Il rischio però, forse soprattutto al centro, è alto. Tanto che la società continua a cercare un centrale di livello. Balzaretti è sembrato già integrato nei meccanismi giallorossi, mentre Piris ha incontrato un po’ di difficoltà. E così la Roma nel primo tempo, quando le indicazioni erano più vere rispetto a quelle arrivate nella ripresa, ha giocato soprattutto sulla fascia sinistra, tralasciando la corsia opposta. Spiega Zeman: «Balzaretti è abituato ad andare avanti, anche se in altre squadre era più coperto dai due mediani, mentre noi per ora attacchiamo tutti» .

 

MEDIANO – Anche per De Rossi quella di ieri è stata la prima uscita stagionale. Il centrocampista in questi giorni è alle prese con la corsa intensa. Il suo passo in allenamento aveva impressionato, in partita però è sembrato opaco, a volte distratto.  (…) Non ha, in poche parole, preso in mano la squadra come ci si aspettava: «Ma su di lui non devo dire niente – commenta Zeman – forse ha giocato troppo la palla di prima cercando spesso la soluzione lunga, il lancio, mentre io vorrei si costruisse di più l’azione»
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy