Ogbonna, l'affare si fa sul serio

di Redazione, @forzaroma

(Corriere dello Sport-A.Ghiacci) Contatti in Brasile, soprattutto. Ma non solo per acquistare. Perché la Roma da quelle parti, anche durante il viaggio del direttore generale Franco Baldini di qualche giorno fa,

sta tentando di vendere Juan e Simplicio, due considerati di troppo. (…) Un rinforzo in quel settore però, con l’addio di Kjaer, serve comunque. E la Roma lo ha individuato in Ogbonna del Torino. Il 24enne è stato protagonista della promozione granata e attualmente è all’Europeo con Prandelli (anche se insieme a Borini è l’unico azzurro a non aver ancora preso parte alla rassegna continentale). Ecco perché Cairo, numero uno del Toro, parte da una richiesta di oltre 15 milioni. Spinto oltretutto, da una tifoseria molto attaccata alla squadra che chiede di trattenere il centrale almeno per il primo anno di serie A. Possibile che la Roma possa pensare di bloccare Ogbonna oggi per poi prenderlo tra un anno? No, i difensori a Zeman servono subito.

 

PIANO– Allora cerchiamo di capire come il club giallorosso sta pensando di arrivare al centrale del Torino, giocatore che anche come età rispecchia appieno l’identikit tracciato nelle stanze di Trigoria: giovane ma non troppo, che abbia già maturato una certa esperienza, in grado di rappresentare subito una certezza nel campionato italiano. Il nome di Ogbonna, già seguito dalla Roma lo scorso anno, è stato indicato anche da Zeman, che l’anno scorso lo ha osservato in serie B, nel lungo testa a testa tra Torino e Pescara valido per la promozione. Troppi, secondo la Roma, i 15 milioni di euro da cui parte il Torino. Il tentativo che sta andando in porto in queste ore, prevede un esborso economico non superiore ai 7-8 milioni. In aggiunta ci sono i tanti giovani giallorossi, tra quelli rientrati dai prestiti e quelli in uscita dalla Primavera, tra cui il Torino avrebbe solo l’imbarazzo della scelta, tra comproprietà e prestiti vari. I dirigenti giallorossi sono pronti a tentare l’assalto già in questi giorni: l’obiettivo sarebbe quello di poter contare su Ogbonna dalla fine di luglio, dopo il ritorno a Roma dalla tournée americana, perché il giocatore ha diritto a un periodo di vacanza dopo l’Europeo. I contatti ci sono già stati: «Sì, è vero, su Ogbonna c’è anche la Roma» conferma l’entourage del difensore. Già da oggi è previsto un aumento dei ritmi delle riunioni. Domani a Trigoria sono in programma il CdA e un incontro operativo al quale parteciperà anche Zeman: una giornata importante dalla quale usciranno le linee operative e i piani di mercato dettagliati.
ALTERNATIVE– La Roma, chiaramente, non ha messo nel mirino solo Ogbonna. Stasera giocherà l’andata della finale di Coppa Libertadores Leandro Castan, centrale mancino di 25 anni, di proprietà del Corinthians. La Roma ci ha messo gli occhi da tempo e ha raggiunto un accordo di massima sulla base di 5 milioni di euro. Lo status di extracomunitario non sembra interessare tanto la società giallorossa, che un posto libero dei due lo ha già riservato a Dodò, esterno sinistro ventenne in uscita anche lui dal Corinthians ma per fine contratto. Ancora in Brasile c’è Bruno Uvini, 21 anni, centrale brasiliano del San Paolo. Uvini è accostato alla Roma da mesi, ma per ora il club giallorosso sembra intenzionato a prendere un giocatore più pronto, che non abbia bisogno di particolari periodi di ambientamento. Ecco perché Ogbonna sarebbe l’ideale. E infatti proprio sul centrale del Torino si concentreranno gli attuali sforzi romanisti. Tra una settimana è fissato il raduno a Trigoria, la Roma e Zeman cercano almeno la certezza di sapere che avranno un difensore centrale in più su cui puntare: l’obiettivo numero uno è proprio Ogbonna.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy