Montella: il futuro? Vedremo…

di Redazione, @forzaroma

(Corriere dello Sport – R.Maida) – Dev’essere il massimo, una notte così.

Vincenzo Montella è tornato, ha preso gli applausi dell’Olimpico ed è uscito con la certezza di non essere stato inferiore a Luis Enrique, a cui aveva dovuto lasciare il posto l’anno scorso. In più non ha infierito sui cuori romanisti, togliendo loro anche quel pareggio che non serve a nessuno ma evita l’umiliazione di un’altra sconfitta. Il Catania può essere ugualmente fiero di lui, di un uomo di calcio che è già diventato un bravo allenatore. […]

 

FUTURO – Luis Enrique gli ha fatto i complimenti, quasi volesse benedire il suo possibile successore. Montella allarga il ghigno con uno sguardo glaciale, senza permettere alla sua emozione di filtrare: «Mi viene da sorridere perché nel calcio le situazioni cambiano continuamente. Magari in questo momento si parla molto di me perché sono una novità nel calcio italiano. E mi fa piacere. Ma io sono una persona equilibrata, vediamo alla fine del campionato cosa succederà» .

La risposta diplomatica non placa la curiosità. E allora Montella precisa: «Quando ho lasciato la Roma, è stata la scelta migliore per tutti. Anche perché io stimo tantissimo Luis Enrique e a lui l’ho detto. Non poteva che andare così. In quel momento storico per me sarebbe stata la soluzione peggiore continuare alla Roma. E io non avrei avuto la forza di dire di no. E’ stato inevitabile che le nostre strade si siano divise. In quel momento storico, lo ripeto…» .

Tanto per chiarire che adesso le cose sono cambiate: «Oggi sono orgoglioso di essere accostato alla Roma, più alla Roma che ad altre società per una questione affettiva, ma da parte mia non c’è mai stato alcun sentimento di rivalsa nei confronti di questa società. E siccome per ora non c’è niente, non mi ha chiamato nessuno, è inutile parlare di ipotesi.[…]»

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy