Montella, ancora un rinvio

di Redazione, @forzaroma

(Corriere dello Sport – A.Ghiacci) – Riunioni, consultazioni, pensieri, punti di vista. In generale, attesa.

E così la Roma, dopo dieci giorni dalla conclusione del campionato, addirittura un mese dalla comunicazione della volontà di lasciare di Luis Enrique, non ha ancora un nuovo allenatore. Almeno ufficialmente. Perché Vincenzo Montella, che con i dirigenti giallorossi ha già parlato più volte, attende solo la chiamata definitiva: l’allenatore sarà lui. La Roma ha scelto il tecnico che chiuse la scorsa stagione dopo l’addio di Ranieri. E lui non vede l’ora di poter brindare a un programma che è in piedi già da giorni, che lo vedrebbe tornare nella «squadra per la quale ho un debole…» . In mezzo, come sempre, il popolo giallorosso, che attende con ansia e si aspetta, ora più che mai, maggiore decisione da parte del club. Vada per la decisione ponderata, vada per la strategia che prevede tutti i tasselli al loro posto prima dei passi ufficiali, ma i tifosi non si spiegano come mai gli «otto, dieci giorni» indicati a Cesena dal diretttore sportivo giallorosso Walter Sabatini quale attesa per la comunicazione, siano trascorsi invano. Ieri il rilancio: «Altri sei, sette giorni…» ha detto Sabatini.

MURO – Perché il ritardo, o comunque la poca fretta con cui si sta affrontando la questione, non è dovuto alla Roma. Che nella riunione di ieri a Trigoria – presenti Baldini, Sabatini e Fenucci – ha messo a punto le ultime mosse. Anche il direttore generale Franco Baldini è ormai convinto: probabilmente all’inizio lui avrebbe preferito intraprendere altre strade, ma adesso è pronto a parlare con il Catania, nella persona del suo presidente Pulvirenti, per trovare la soluzione. Soluzione che già oggi, dopo l’annuncio dei rossazzurri che investiranno ufficialmente Sergio Gasparin quale nuovo amministratore delegato, sarà molto più vicina. (…)

CONTRATTO – Due anni di accordo con opzione di rinnovo per la terza stagione legheranno Montella alla Roma. L’ingaggio? L’ex Aeroplanino non ne fa certo una questione di soldi, ma ora, dopo la decisione della scorsa estate e un campionato come quello trascorso a Catania, si aspetta di essere trattato come allenatore vero, che sta per accordarsi con una società come la Roma. Che a Luis Enrique, uno con minore esperienza, aveva garantito 1,5 milioni di euro a stagione. Se non sarà la stessa, la cifra sarà molto simile a quella, magari con una parte fissa e un’altra legata agli obiettivi (bonus). Montella a Catania percepiva 400.000 a stagione (il contratto scadrebbe nel 2013), ma non ha voluto sentire parlare di una cifra vicina al doppio (circa 800.000 euro). Anche questo, oltre alle resistenze di Pulvirenti, ha solo rallentato l’operazione. Rallentamento che ha fatto pensare che la Roma possa avere altre soluzioni allo studio. E anche se da Trigoria ribadiscono che «non c’è solo Vincenzo…» , ormai al finale annunciato manca poco. La Roma ha deciso e non si farà bloccare da richieste, né economiche (di Montella) né tecniche (del Catania). (…)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy