Milan, massima emergenza

di Redazione, @forzaroma

(Corriere dello Sport – A.Polverosi) – Se Milan-Roma si giocasse oggi,

Allegri potrebbe mettere in campo solo questa formazione: Abbiati; Bonera, Mexes, Yepes, Mesbah; Muntari; Aquilani, Nocerino; Emanuelson; Maxi Lopez, El Shaarawy. Unica variante: esce Yepes, entra Zambrotta come terzino destro e Bonera va al centro. Fuori Ibrahimovic e Thiago Silva, il primo per un problema alla schiena che ha consigliato il tecnico a sostituirlo alla fine del primo tempo di Juve-Milan di martedì scorso, il secondo per una contusione alla caviglia destra toccata durante la stessa partita. […]

EMERGENZA CONTINUA – La situazione-infortuni del Milan è pesante, ma, paradossalmente, è così prolungata che non tutti (fuori Milanello) ci mettono l’attenzione necessaria. Danno quasi per scontato che l’infermeria non si debba mai svuotare. Anche martedì, a Torino, davanti a una Juve che se non era proprio al completo lo doveva alla rotazione voluta da Conte, il Milan non aveva pezzi importanti come Abate, Pato, Cassano, Robinho e Boateng. Difficile dare torto a Galliani quando sostiene che l’organico rossonero è il più forte della Serie A se oggi mezzo Milan ha 4 punti di vantaggio sulla seconda in classifica: quando, nelle prossime settimane, la Juve si metterà a pensare alla campagna di potenziamento, dovrà necessariamente partire da questa considerazione. Ha 4 punti in meno rispetto a mezzo Milan.

IBRA E BOATENG – Lo svedese era già in dubbio per la partita di Coppa Italia di martedì scorso, tre giorni prima aveva giocato a Parma con un forte raffreddore e faticava a respirare e anche per questa ragione Allegri adesso è molto cauto. Se Zlatan non ce la fa, contro la Roma giocano Maxi Lopez in coppia con El Shaarawy, come nel secondo tempo di Udine, quello della svolta. A disposizione del tecnico ci sono anche Boateng e Nesta, che è fuori per problemi vari, compresa la cervicalgia, dal 1° febbraio scorso, Lazio-Milan 2-0, e contro la Roma potrebbe andare in panchina; difficilmente giocherà dall’inizio vista la gradualità con cui Allegri reinserisce i giocatori in squadra (ultimo caso, Aquilani) dopo un infortunio, a maggior ragione se la pausa è stata di oltre 50 giorni come nel caso di Nesta. Su Boateng, che non gioca da Milan-Arsenal 4-0 del 15 febbraio per un problema muscolare (ricaduta dell’acciacco del derby), l’allenatore potrebbe farci un pensierino per la Roma, ma solo come impiego parziale. Lo vuole in condizioni ideali per la partita d’andata contro il Barcellona.[…]

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy