Marquinho-Roma sempre più vicini

di Redazione, @forzaroma

(Corriere dello Sport – S.Di Segni) – Ha svuotato l’appartamento al Torrino e sistemato tutte le sue cose negli imballaggi: il lavoro, secondo i programmi di Marquinho, tornerà utile per un altro trasloco, ma sempre a Roma, magari in zona Casal Palocco.

[…]E il club giallorosso, che fa? Confida nella volontà del giocatore e tenta di trovare l’accordo con il Fluminense. La scorsa settimana il ds Walter Sabatini ha incontrato il manager del ragazzo e ribadito il desiderio di riscattarlo: tra le parti c’è intesa su ogni punto, mentre con la società brasiliana la trattativa è ancora aperta. Giovedì il dg Franco Baldini era proprio a Rio de Janeiro, dove ha sede l’ex club di Marquinho: rispetto al riscatto fissato a gennaio, 4,5 milioni, persiste una certa distanza. I giallorossi offrono 3 milioni, l’operazione può chiudersi nel mezzo, perché il Fluminense sembra disposto ad accontentare il calciatore […]

 

A DISPOSIZIONE – Marquinho non ha ancora conosciuto Zeman, nè ha chiesto informazioni sul boemo. Non prendetelo come un atto di presunzione, l’atteggiamento semmai dice altro: è pronto ad assecondare il tecnico e a prestarsi a qualunque ruolo. L’“ aquistinho“ di gennaio del resto ha già dimostrato una certa capacità di adattamento: paghi uno, compri tre.

Ovvero: un interno di centrocampo, un esterno del tridente, un terzino sinistro, solo per rimanere dentro i confini del 4-3-3. Con l‘arrivo di Zeman, nella Capitale è scattato il dubbio che la rosa giallorossa contenesse troppi palleggiatori a centrocampo e pochi uomini che prediligessero il pallone sulla corsa. Il brasiliano è uno che non disdegna lo scambio e che ama inserirsi negli spazi. E poi si porta dietro un “difetto“: è innamorato di Roma e spera di restarci. […]

AFFARI BRASILIANI – La missione di Franco Baldini in Brasile (ieri il direttore si è spostato a Milano per seguire la vicenda Borini) non è stata utile a definire l’affare Marquinho: stessa sorte del difensore del Corinthians, Leandro Castan, lasciato ancora in sospeso. Viceversa, ogni tassello dell’operazione Dodò è finito al suo posto. Il terzino di fatto è della Roma da mesi, lo sbarco a Fiumicino ormai è questione di giorni, se non di ore: il recupero del ragazzo, reduce da un brutto infortunio al ginocchio, procede bene, al punto tale che Sabatini è convinto che possa tornare utile alla causa sin dalla prima stagione in Italia.

Se Dodò sarà un titolare della Roma di Zeman è tutto da vedere, nel frattempo il club di Trigoria ha già dato prova di puntare su di lui, non solo acquistandolo a dispetto del guaio fisico: giorni fa è stata rispedita al mittente una richiesta di prestito da parte del Genoa. Dodò cresce con noi, è stata grosso modo la risposta che si è visto recapitare il presidente dei rossoblù Preziosi. Per qualcuno, evidentemente, l’oggetto non è troppo misterioso.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy