Ljajic: “Vorrei sentirmi più importante”

Il serbo timbra il cartellino e ritrova il sorrido dopo tante partite

di finconsadmin

Il suo problema è la faccia. Con quell’espressione di chi ha visto troppo e adesso vorrebbe solo riposare il corpo e la mente. Adem Ljajic sa anche ridere e sorridere, ma cerca di tenerselo per sé. Quando i tifosi lo vedono aggirarsi così per l’allenamento e per il campo perdono fiducia.

Come riporta l’edizione odierna del Corriere dello Sport, l’allenatore prima ancora di mandare il serbo in campo, e di vederlo tornare con un gol piuttosto importante, aveva dichiarato di apprezzarlo non al 100%, non al 150%, bensì al 200%. Qualsiasi cosa significhi. «Ma io non sapevo che avesse detto così – racconta Ljajic, e quasi quel famoso sorriso gli scappa – Non pensavo avesse questa considerazione di me, o meglio non pensavo che l’avrebbe espressa in quel modo. Lo ringrazio. Chi vuole parlare male parli pure. Non è vero che non mi piaccia allenarmi, che mi lasci scoraggiare. Io lavoro sempre più che posso. E’ solo che non riesco a considerarmi al centro dell’attenzione. Quel che mi interessa è che la Roma giochi bene, che vinca e che riesca a lottare per tutti gli obiettivi».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy