La Roma paga la tassa dei cartellini

di finconsadmin

Com’era prevedibile la Roma incomincia a pagare la tassa-diffidati. Giovedì scorso contro il Chievo, nel posticipo della 10ª giornata che ha visto la formazione di Rudi Garcia stabilire il nuovo primato italiano di vittorie iniziali, Leandro Castan è stato il primo giallorosso in diffida a tagliare – suo malgrado – il traguardo della 4ª ammonizione e quindi della squalifica automatica. Domenica sera in casa del Torino è stato il turno di Mehdi Benatia a vedersi sventolare il quarto cartellino giallo: l’ex Udinese salterà quindi l’impegno di domenica pomeriggio all’Olimpico contro il Sassuolo. In pratica – ci ricorda il Corriere dello Sport –  al centro della difesa romanista (e al fianco di Nicolas Burdisso) ci sarà un cambio della guardia fra il brasiliano e il marocchino.

NUOVO ARRIVO

L’arbitro Peruzzo, durante la gara con il Chievo, ha ammonito Miralem Pjanic, che così è entrato in diffida, raggiungendo il compagno di reparto Daniele De Rossi. L’attuale capitano della Roma – in sostituzione dell’infortunato Francesco Totti – aveva acceso la spia gialla a Udine il 27 ottobre e quindi è riuscito a passare indenne i successivi 180’ (Chievo e Toro). Stesso discorso si può fare pari pari per Alessandro Florenzi, il quale ha raggiunto la 3ª sanzione al Friuli. All’Olimpico del capoluogo piemontese Douglas Maicon ha subìto il secondo giallo, mentre Bradley il primo. Lo statunitense è stata l’ultima “new entry”, preceduto giovedì da Adem Ljajic. Complessivamente sono 14 i giocatori giallorossi sottoposti finora a provvedimenti disciplinari sul campo.

BIANCONERI ANCORA VERGINI

Situazione per lo meno curiosa quella della Juventus. Fra le tre squadre in testa al campionato, quella di Antonio Conte ha il maggior numero di ammoniti: 16, due in più rispetto alla Roma. Addirittura nessun bianconero è stato ancora espulso. A Parma è entrato in diffida Claudio Marchisio, il quale ha raggiunto i tre gialli Leonardo Bonucci a Kwadwo Asamoah. Sempre al Tardini sono stati sanzionati per la prima volta ben tre giocatori: Simone Padoin, Sebastian Giovinco e Fernando Llorente, i quali si sono allineati a Giorgio Chiellini, ammonito nel turno infrasettimanale contro il Catania, per l’intervento falloso che è costato a Bergessio un grave infortunio (frattura del perone).

ANGELI AZZURRI

Situazione disciplinare assolutamente soddisfacente per il Napoli. Undici ammoniti e nessuno che sia in odor di squalifica. Pensate che i più “cattivi” sono Miguel Britos, José Maria Callejon, Federico Fernandez e Goran Pandev con due gialli! Nell’ultimo impegno di campionato contro il Catania, la compagine di Rafa Benitez ha chiuso senza ammoniti. Il Napoli, tuttavia, ha avuto già due espulsioni per doppia ammonizione: Cannavaro contro la Roma e Maggio a Firenze. D’altronde come la Roma: Federico Balzaretti in casa dell’Inter e Maicon a Udine. In questo azzurri e giallorossi si equivalgono.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy