La Roma ottiene il sì di Rolando

di Redazione, @forzaroma

(Corriere dello Sport – R.Maida) – Se la memoria potesse evidenziare con un pennarello ogni nome speciale, dalla testa di Walter Sabatini non uscirebbe mai Christian Eriksen.

Giocatore di talento e personalità, ancora ventenne e con un ingaggio accettabile, sarebbe il rinforzo ideale per il centrocampo della Roma. L’Ajax vorrebbe trattenerlo per un altro anno ad Amsterdam, sapendo che molto probabilmente il suo valore aumenterà. Ma Sabatini ha conservato in qualche cassetto una speranza, ricordando che Eriksen qualche mese fa ha fatto outing in una sorprendente intervista, confessando di tifare per la Roma. Considerando che si parla di un ragazzo nato a Middelfart, villaggio danese di 15.000 abitanti, è una preferenza sentimentale curiosa. Anche di Eriksen, che in queste ore sta preparando l’Europeo e incrocia tutti i giorni in ritiro Kjaer, la Roma ha parlato all’Ajax quando è stato trattato Van der Wiel. Per ora l’affare non si può fare, ad agosto magari sì.

ALTRA OPZIONE – Dipenderà anche dalle priorità indicate dall’allenatore, che dovrà decidere dove conviene distribuire i 30 milioni di budget che la proprietà ha messo a disposizione dei dirigenti. Per questo resta credibile l’alternativa Moussa Sissoko, che è un centrocampista molto diverso da Eriksen: dinamismo, lotta, sostanza. Peraltro, costa meno avendo il contratto in scadenza nel 2013: con 7-8 milioni si può portare via dal Tolosa.

ROLANDO SI’ E NO – Intanto, la Roma continua il monitoraggio dei difensori di tutto il mondo. Il viaggio di giovedì scorso a Lisbona è servito ad allacciare una serie di trattative, a cominciare da quella con Rolando. Sabatini ha la disponibilità del giocatore, mentre ha riscontrato una certa rigidità da parte del Porto, che ha sparato una richiesta di 15 milioni. La convinzione a Trigoria è che i prezzi primaverili possano essere dimezzati nel periodo dei saldi del calcio, ad agosto. E’ comunque Rolando il pezzo forte per la difesa immaginata dalla Roma. Non l’unico obiettivo però: il secondo potrebbe essere Silvestre del Palermo, un usato sicuro e affidabile, che è già stato cercato. Ma qui ci sono l’Inter e nelle ultime ore il Tottenham a complicare le manovre di avvicinamento.

PARTENZE – In uscita, sono arrivate nuove indiscrezioni dal Brasile. Il Flamengo non ha smesso di pensare a Juan, un simbolo della società di Rio. Zinho, campione del mondo nel 1994 e oggi direttore esecutivo del Flamengo, ha svelato quanto si sapeva da tempo, cioè che la Roma ha offerto a Juan «un rilascio a titolo gratuito» . In pratica, Juan può andare via da Trigoria a zero euro con un anno di anticipo sulla scadenza del contratto, per sgravare il bilancio di Trigoria da uno stipendio di 4,6 milioni lordi. «Ma il giocatore non ha ancora deciso e deve fare in fretta» ha precisato Zinho. Nell’articolo pubblicato dal giornale Globo Esporte, si fa nuovamente riferimento alla possibilità di uno scambio con il giovane Thomas, trequartista classe ‘93.

FINE RAPPORTO – Infine, si anima il mercato interno a Trigoria: la società non rinnoverà il contratto a Silvano Cotti, fisioterapista della Nazionale vicino a De Rossi, mentre sta studiando un nuovo ruolo per l’altro fisioterapista storico della Roma, Silio Musa, uno degli uomini di fiducia di Totti: potrebbe avere un contratto part-time.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy