Kjaer su Ibrahimovic: esame per il danese. Borini va in pressing: «Bisogna crederci»

di Redazione, @forzaroma

(Corriere dello Sport – R.Maida) – Per quanto possa apparire paradossale, Luis Enrique ha studiato la contraerea per Ibrahimovic: Simon Kjaer.

Per struttura fisica e abilità nei corpo a corpo è l’unico giocatore della Roma capace di contrastare l’attaccante più forte del campionato. All’andata, all’Olimpico, Ibra fece due gol spadroneggiando nell’area di rigore romanista (e provocando una piccata reazione di Heinze, che si lamentò dell’organizzazione difensiva della squadra). Serve qualcosa di diverso per fermarlo a San Siro. Kjaer, appunto, che il 29 ottobre andò addirittura in tribuna per scelta tecnica. […]

 

IL PRECEDENTE – Ha già giocato titolare a San Siro in questa stagione, nella seconda di campionato contro l’Inter. Lasciò ai tifosi un’ottima impressione, per sicurezza e continuità di rendimento, e soprattutto contribuì in modo evidente alla difesa dello 0-0 togliendo dalla porta un tiro di Sneijder con Lobont già fuori gioco. Quella di Milano è stata forse la sua migliore performance dal suo arrivo a Roma. Magari l’aria dello stadio Meazza lo aiuterà a scacciare definitivamente la crisi personale in cui è annegato dopo il derby di andata. I segnali sono positivi: nelle ultime due giornate di campionato, con Kjaer titolare, la Roma non ha preso gol. Per la conferma, bisogna aspettare Ibrahimovic e i suoi amici.

LA TATTICA – Per il resto, Luis Enrique non altererà lo stile della Roma. In settimana l’allenatore ha chiesto molta attenzione alle palle inattive e ai cross dalle fasce, nelle cui situazioni il Milan è letale. Ma non ci saranno accorgimenti tattici particolari rispetto alle ultime giornate. Rivedremo l’alternanza dei terzini, con uno dei due che a turno rimane sulla linea dei difensori quando la squadra supera la metà campo palla al piede. […]

LA CARICA– Nel lavoro da guerrigliero, azione e ripiegamento continui, lo specialista è Fabio Borini che ieri a Sky ha detto: «Proveremo a mettere in difficoltà il Milan, che è impegnato in tante competizioni. Ci vorrà più attenzione rispetto all’andata. Ibra? E’ in forma, sui livelli di Messi e Ronaldo. Personalmente, spero di superare la quota dei 9 gol che ho raggiunto e di andare agli Europei. Dipende soprattutto da me». Ha fiducia in se stesso, il ragazzo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy